Il 1° Ottobre 2019 firma dell’Accordo di libero scambio tra la Serbia e l’EAEU

L’Accordo di libero scambio tra la Serbia e l’Unione eurasiatica sarà firmato il 1° ottobre, a Sochi, è stato concordato oggi, a San Pietroburgo, dal Vice Primo ministro e ministro del Commercio, del Turismo e delle Telecomunicazioni Rasim Ljajic e dalla ministro del Commercio dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) Veronika Nikishina.

La ministra Nikishina ha informato Ljajic che il consenso di tutti gli stati membri dell’Unione Eurasiatica è stato ottenuto, portando così ad un passo decisivo verso la firma finale di questo accordo, ha annunciato il Ministero del Commercio.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Ljajic e la Nikishina hanno concordato che la regolamentazione tecnica legale del testo dell’accordo venga completata entro la fine di giugno, mentre nel mese di settembre organizzare un business forum di imprenditori provenienti dalla Serbia e dagli Stati membri dell’Unione eurasiatica, per far conoscere ai mebri i vantaggi di questo accordo.

L’Accordo di libero scambio con l’Unione Eurasiatica consente alla Serbia di avere l’accesso ad un mercato di 180 milioni di persone, ma ha ampliato anche la portata e il tipo di merci da esportare dalla Serbia verso il mercato dell’Unione Eurasiatica.

L’Unione economica eurasiatica è composta da Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/sporazum-o-slobodnoj-trgovini-srbije-i-eaeu-1-oktobra/1m70exj?fbclid=IwAR2nxkdNq7CAyzV_kEImOutF8f6sX2BMVWom-kwsrgpWGkEXRkc2cdEnlvY

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... 'Accordo di libero scambio, EAEU, esportazioni, Rasim Ljajic
Ljajic: Se Pristina non abolirà le tasse entro il 1° luglio, prenderemo in considerazione le contromisure

La città di Nis sarà la prima smart city in Serbia

Chiudi