IFJ ed EFJ condannano l’ingresso violento dei dimostranti nell’edificio di RTS

La Federazione Internazionale dei Giornalisti e la Federazione europea dei giornalisti (IFJ e EFJ) hanno condannato l’ingresso violento dei manifestanti e dell’opposizione serba nell’edificio di Radio Televisione Serbia (RTS) e hanno chiesto a tutte le parti di rispettare indipendenza dell’editing di RTS, riferisce l’Associazione dei giornalisti della Serbia.

Il Segretario generale dell’IFJ, Anthony Belendner, ha detto in una dichiarazione che l’intrusione nei locali di qualsiasi media è inaccettabile nelle società moderne e democratiche.

Il membro dell’UNS e l’editore di RTS, che era presente al momento dell’incidente, Zoran Stanojevic ha detto all’IFJ che i manifestanti gli hanno chiesto di trasmettere un programma speciale, nel quale loro possono esprimere le loro richieste, e gli hanno urlato di chiamare i suoi superiori.

“Io li ho chiamati e loro mi hanno detto la stessa cosa che avevo già spiegato ai dimostranti: la loro richiesta è inammissibile. In seguito gli abbiamo chiesto di lasciare l’edificio volontariamente, ma hanno rifiutato. La polizia ha dovuto spingere i manifestanti fuori dall’edificio. Alcuni di loro hanno resistito, quindi la polizia ha dovuto usare la forza. Non ci sono state bastonate e legnate come dicono”, ha detto Stanojevic.

Stanojevic ha aggiunto che i giornalisti non hanno potuto lavorare durante l’assedio dell’edificio, in quanto i redattori e i giornalisti erano chiusi nei loro uffici editoriali per paura.

L’OSCE ha espresso forte preoccupazione

Il rappresentante dell’OSCE (Organization for Security and Co-operation in Europe) per la libertà dei media, Arlem Dezir, ha espresso la sua preoccupazione per l’incidente verificatosi nell’edificio di RTS e ha valutato la necessità di un dibattito sul servizio pubblico nazionale.

“Un dibattito sul pluralismo e l’indipendenza del servizio pubblico è necessario. Il ruolo del servizio pubblico è quello di pubblicare informazioni obiettive e di qualità ai cittadini senza differenze politiche e interferenze politiche e insostituibile nei processi democratici”, ha  spiegato Desir.

L’UNS ha chiesto a IFJ, EFJ e ai rappresentanti dell’OSCE di condannare l’incursione nell’edificio di RTS del gruppo di dimostranti guidati dai leader dell’opposizione serba.

https://www.danas.rs/drustvo/ifj-i-efj-osudile-ulazak-demonstranata-u-rts/?fbclid=IwAR3FDFG6z5acMtfKLw2CBNsHbXexH7YaaKM7FK2mDJFDpHrrlfbasPcxLqk

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in dimostranti, Federazione europea dei giornalisti, Federazione Internazionale dei Giornalisti, media, opposizione, OSCE
Diversi gruppi parlamentari dell’opposizione hanno inviato una lettera aperta a Maja Kocijancic

Djilas: Se qualcosa non cambierà in meglio, non usciremo alle urne nemmeno per le elezioni regolari

Close