I terreni più preziosi di Novi Sad nelle mani dei magnati del partito “SNS”

Osservando il nuovo Piano Urbanistico Generale di Novi Sad, i residenti di Petrovaradin hanno appreso che è prevista la costruzione di un complesso residenziale-commerciale nell’area intorno alla Fortezza di Petrovaradin, nel tratto “Trandžament”.

Ciò che i cittadini non sanno è che questi terreni sono già stati acquistati dalla società “Galens”, sebbene il terreno non sia rimasto a lungo di proprietà dell’azienda a cui è stato anche dato il via libera per costruire “Novi Sad na vodi”, dallo stesso piano. Dopo solo un mese infatti i giochi sono passati nelle mani di Siniša Mićević, partner commerciale del secondo investitore di maggior successo legato al partito “SNS”, Slobodan Milić Bocara.

Oggi Slobodan Milić Bocara, macchinista di professione e primo consigliere e amico del sindaco Miloš Vučević, è un investitore di successo, su complessi edilizi di lusso per un valore di circa 40 milioni di euro, in varie località della città. Secondo i dati dell’Agenzia dei registri delle imprese, Bocara avrebbe regalato a Siniša Mićević la sua azienda, “Bio team electro”, con un capitale di base di oltre 95 milioni di dinari.

A seguito della documentazione, sembra che Mićević in modo simile sia diventato improvvisamente proprietario della società “ILF srl”, la quale ora possiede quattro terreni che, grazie al nuovo Piano Regolatore, faranno parte di uno dei cantieri più attraenti di Novi Sad, proprio vicino alla fortezza di Petrovaradin. Secondo gli estratti catastali, la “ILF srl”, che è formalmente di proprietà di Siniša Mićović, avrebbe infatti lì un terreno di oltre 80.000 m2, praticamente la maggior parte del tratto Tranžament, che diventerà il futuro cantiere. Secondo il Piano in quel posto è prevista la realizzazione di un complesso residenziale-commerciale, le cui dimensioni e numero di piani saranno definiti da ulteriori progetti.

Quel che sembra essere già definito è chi costruirà tale complesso. “Le società “ILF, Galens, ES capital” di Slobodan Milic Bocara fanno parte dello stesso circolo corrotto; il governo della città e Miloš Vučević li aiutano modificando i documenti sui Piani Regolatori. La procedura è sempre la stessa: prima quelle aziende acquistano terreni in luoghi poco attraenti, poi cambiano i Piani Regolatori e la planimetria, la cubatura e il livello di costruzione aumentano. Nel momento in cui per esempio la “ILF” acquista il terreno, lo stesso non ha valore perché su di esso non è previsto alcun alloggio. Dopo invece cambiano i Piani e si realizzano complessi edilizi d’élite su terreni prima aridi. In questo modo, una terra senza valore diventa favolosamente preziosa”, sostiene il presidente del consiglio del Partito popolare di Novi Sad, Bora Novaković.

Photo credits: “Nenad Mihajlović/Nova.rs”

Najvrednija zemlja u Novom Sadu posle izmene plana u rukama SNS tajkuna

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top