I terreni coltivabili in Serbia si sono ridotti del 23,81% negli ultimi 11 anni

Un ettaro dei migliori terreni agricoli della Vojvodina costava 5.000 euro nel 2008, mentre oggi il prezzo sale a 120.000 euro, secondo i dati.

I terreni agricoli sono una risorsa non rinnovabile e gli esperti affermano che stanno diminuendo drasticamente in termini di superficie, ma allo stesso tempo sono sempre più sfruttati e la loro qualità è compromessa. Inoltre, avvertono che i terreni agricoli disponibili e utilizzati stanno diminuendo.

Secondo i primi risultati del censimento agricolo del 2023 pubblicati dall’Ufficio Statale di Statistica, la superficie agricola disponibile si estende su 4.073.703 ettari, quella utilizzata su 3.257.100 ettari, mentre 122.257 ettari sono terreni agricoli inutilizzati.

Secondo l’agronomo Milan Prostran, negli ultimi 11 anni la superficie agricola disponibile si è ridotta di 1,2 milioni di ettari, pari al 23,81%.

“La terra agricola disponibile nel 2012 era di 5.346.597 ettari e nel 2023 sarà di 4.073.703 ettari”, ha dichiarato Prostran.

Spiega che un’ampia fetta di questi 1,2 milioni di ettari, di cui la terra disponibile si è ridotta, è stata utilizzata per la costruzione di infrastrutture, come le autostrade.

Prostran ha anche osservato che quando la Serbia ha firmato l’Accordo di stabilizzazione e associazione con l’Unione Europea nel 2008, il prezzo dei terreni di prima qualità in Serbia, situati nella contea di Bačka in Vojvodina, costava 5.000 euro per ettaro, mentre oggi il prezzo oscilla tra i 50.000 e i 120.000 euro per ettaro.

Per quanto riguarda la qualità della terra serba, Bojan Stanic, della Camera di Commercio serba, afferma che la qualità dei terreni coltivabili è diminuita, anche se si tratta di un processo a lungo termine. 

“La qualità della nostra terra, che un tempo era una delle migliori in questa parte d’Europa, è seriamente minacciata. In Vojvodina, che ha la terra più fertile, l’humus, che è un segno della qualità del suolo, è diminuito dal 5% al 2,5%”, aggiunge Prostran.

(Biznis i Finansije, 25.04.2024)

https://bif.rs/2024/04/106167/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top