I serbi hanno dato in garanzia beni per 33 miliardi di euro

Hanno un valore pari a oltre 30 miliardi di euro i beni che imprenditori e cittadini serbi hanno offerto a garanzia dei prestiti che hanno ottenuto.

Come ipoteca sono stati impegnati tutti i beni che le leggi consentono e che le banche accettano: auto, opere d’arte, ma anche mucche, pecore e contratti di compravendita di calciatori.

Il registro delle ipoteche presso l’Agenzia dei Registri Commerciali non evidenzia i dettagli dei beni di proprietà personale o altri tipi di diritti che sono stati offerti in garanzia ma solo il valore dei beni che sono stati usati come collaterale per ottener ei finanziamenti. Questo significa che così come c’è una ipoteca su una casa, così c’è una garanzia attraverso un’auto, dei macchinari e altri beni mobili di proprietà dell’azienda.

“Sin dal 2005 si sono offerti in garanzia beni per un controvalore di 33,3 miliardi di euro come collaterali per prestiti pari a 32,1 miliardi”, dichiarano a Veernje Novosti le fonti dell’Agenzia dei Registri commerciali, aggiungendo che a questi bisogna aggiungere le garanzie offerte ai tribunali e i diritti di legge ma si tratta di entità trascurabili.

(Vecernje Novosti, 20.09.2013)

120817_0813-novac-zaduzenje-foto-z-safar_orig

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top