I serbi all’estero hanno inviato un record di 5 miliardi di euro ai loro amici e parenti in Serbia

Secondo gli ultimi dati raccolti dalla Banca nazionale della Serbia, nel 2022 l’afflusso di rimesse, cioè di pagamenti di denaro dall’estero alla Serbia, ha superato la cifra record di 5 miliardi di euro, che sono più del totale degli investimenti diretti esteri effettuati nel Paese nello stesso anno.

Questo tipo di rimesse è un’arma a doppio taglio. Da un lato, le rimesse mantengono in vita una parte importante dell’economia serba, dall’altro sono un segno della crescente emigrazione nel nostro Paese.

Secondo la NBS, le rimesse hanno raggiunto un totale di 5,03 miliardi di euro, il 38,3% in più rispetto ai 3,6 miliardi del 2021. Le rimesse più consistenti provengono da Germania (27%), Svizzera (14%), Austria (11%), Francia (6%) e Stati Uniti (6%). “Quando si parla di crescita delle rimesse, ci sono diversi aspetti che vanno menzionati. In primo luogo, le rimesse hanno normalmente un carattere anticiclico, il che significa che nei periodi di crisi, di maggiore incertezza e di tensioni geopolitiche, di solito crescono. In pratica, le persone che vivono all’estero, in queste circostanze, aiutano di più i loro familiari che vivono in Serbia”, spiega la NBS e aggiunge: “La crescita dell’inflazione ha fatto sì che tutti i principali indicatori macroeconomici, comprese le rimesse, siano stati nominalmente aumentati Infine, la crescita delle rimesse estere è influenzata dall’aumento del numero di cittadini stranieri che hanno stabilito la loro residenza in Serbia”.

(Blic, 26.02.2023)

https://www.blic.rs/biznis/moj-novcanik/gastarbajteri-u-srbiju-poslali-5-milijardi-evra-prosle-godine-zabelezen-rekordan/wcvw6kp

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top