I sei obiettivi del nuovo governo della Serbia

“Il compito base del futuro governo sarà quello di consolidare la posizione della Serbia in un mondo pieno di sfide, mai così grandi e molto più impegnative di quanto avremmo potuto immaginare due anni fa, per mantenere la stabilità del Paese e continuare la crescita e lo sviluppo. La priorità assoluta sarà l’energia, il “sollevamento” della nostra economia, l’investimento nella scienza e nella scuola, la lotta per il Kosovo e Metohija, la continuazione del cammino europeo, ma anche il rafforzamento del partenariato con tutti i partner, sia a est che a ovest”. Ecco le linee guida fondamentali della politica del futuro governo che la premier Ana Brnabić ha delineato ieri, presentando la relazione e i nuovi candidati alla poltrona di ministro, al Parlamento serbo.

“Il governo della Serbia ha l’obbligo, in costante consultazione e nella più stretta collaborazione possibile con il Presidente Aleksandar Vučić, in questi tempi difficili, di preservare e difendere la nostra indipendenza, condurre una politica indipendente e tenere costantemente presenti i nostri interessi nazionali. Vogliamo diventare un membro dell’UE e lavoreremo su questo, ma allo stesso tempo chiediamo a tutti di mostrare rispetto per la nostra integrità territoriale come Paese riconosciuto a livello internazionale, così come oggi, in modo del tutto corretto, si difende l’integrità territoriale di altri Paesi riconosciuti a livello internazionale”, ha detto Brnabic. “Chiediamo che i principi del diritto internazionale siano rispettati indiscriminatamente, così come la Carta delle Nazioni Unite, e che tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite siano costantemente rispettate e attuate. Rimaniamo un Paese che ha una posizione di principio incrollabile su questi temi”, ha continuato.

La Premier ha quindi affermato che la lotta per l’integrità territoriale continua, rilevando che negli ultimi due anni otto Paesi hanno ritirato il riconoscimento del Kosovo. “Rimaniamo impegnati nel dialogo con Pristina, ma prima di qualsiasi accordo su ulteriori accordi di normalizzazione, l’Accordo di Bruxelles deve essere pienamente attuato e deve essere costituita l’associazione dei comuni serbi (ZSO). Nonostante tutti i problemi e i molti disaccordi su questioni importanti, continueremo a lavorare sull’integrazione europea della Serbia, perché la Serbia appartiene alla famiglia delle nazioni e dei paesi europei. Abbiamo sentito per molto tempo che la cosa più importante per la nostra integrazione è compiere progressi significativi nell’area dello Stato di diritto. Oggi comprendiamo chiaramente i messaggi dell’UE secondo cui ulteriori progressi dipendono da due questioni:

1. se ci allineeremo subito alla politica estera e di sicurezza comune dell’UE, ovvero imporremo sanzioni alla Russia

2. quanto velocemente e in che modo è possibile raggiungere un accordo definitivo sulla normalizzazione con Pristina – di per sé cosa abbastanza cinica perché ancora oggi, a quasi 10 anni dalla firma dell’Accordo di Bruxelles, la cui attuazione è garantita dall’UE, Pristina non ha implementato il nucleo stesso di quell’accordo, cioè la costituzione delle “ZSO”, ha detto Brnabic.

La Premier ha annunciato che il Paese può contare su nuove capacità energetiche già dal prossimo anno: è in fase di completamento la costruzione del blocco B3 della centrale termoelettrica “Kostolac B”, prosegue la costruzione dell’interconnessione gas con la Bulgaria, così come della Centrale idroelettrica Buk Bijela in Bosnia Erzegovina. È inoltre in corso la costruzione delle centrali idroelettriche reversibili “Bistrica” ​​e “Đerdap 3” e una delle priorità del governo sarà la costruzione di un oleodotto verso l’Ungheria.

“Investiremo circa 12 miliardi di euro nella nuova politica energetica della Repubblica di Serbia nei prossimi anni nell’ambito del piano di sviluppo “Serbia 2025”, ha continuato la premier e “aumentando ulteriormente la competitività e la produttività della nostra economia, continueremo gli investimenti di capitale nelle infrastrutture stradali e ferroviarie e manterremo il trend di crescita continua di salari e pensioni, facendo tutto questo in modo fiscalmente responsabile, mantenendo il debito pubblico sotto il 60 per cento del nostro PIL. Questo è un modo per raggiungere l’obiettivo prefissato e cioè che entro il 2026 lo stipendio medio in Serbia sia di 1.000 euro e la pensione media di 500 euro”, ha sottolineato.

“Per raggiungere questo obiettivo, un prerequisito è che facciamo di tutto per preservare la pace e la stabilità in queste aree. La stabilità politica ci ha permesso di lottare per gli interessi nazionali. Se non avessimo raggiunto questo livello di stabilità politica ed economica, non ci sarebbe nemmeno un piano “Serbia 2025”, non saremmo in grado di ricostruire il nostro esercito, prendere decisioni sovrane sul futuro del nostro popolo, proteggere il nostro patrimonio culturale e storico, e fare progetti per promuovere le nascite e la cura della famiglia. Continueremo a lavorare sull’iniziativa “Open Balkans” e speriamo che il Montenegro e la Bosnia-Erzegovina si uniscano presto a noi. L’iniziativa è aperta anche a Pristina, in quanto assicurerà il dialogo sui temi più importanti per la qualità della vita di tutte le persone in quest’area, e quindi sulla sicurezza dei serbi in Kosovo e Metohija”, ha concluso Brnabic.

https://www.novosti.rs/c/vesti/politika/1166682/srbiju-koja-ume-pobedi-sest-ciljeva-ekspozea-ane-brnabic

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top