I prezzi degli immobili scenderanno nel 2024?

Dopo un inizio dinamico, nella seconda metà del 2023 il mercato immobiliare ha subito un rallentamento e una stagnazione dei prezzi nella maggior parte delle città della Serbia. Tuttavia, i futuri acquirenti sono ancora desiderosi di sapere cosa succederà ai prezzi degli immobili nel 2024?

Un sondaggio condotto dal sito web specializzato in immobili, 4zida, che ha coinvolto sia i proprietari che i dipendenti di 85 agenzie immobiliari e 19 sviluppatori immobiliari, ha mostrato che ben il 59% delle agenzie prevede una stagnazione dei prezzi, mentre il 37% ritiene che i prezzi diminuiranno. Gli sviluppatori sono quasi unanimi su questo tema: il 94% di loro afferma che i prezzi degli appartamenti ristagneranno.

Solo il 6% ritiene che i prezzi diminuiranno.

Instabilità economica

Tuttavia, entrambi ritengono che l’instabilità economica del Paese e del mondo rappresenti la sfida più grande per gli affari, seguita dai prestiti immobiliari sfavorevoli e dall’inflazione elevata, mentre gli sviluppatori sono preoccupati anche per la mancanza di manodopera. La proiezione complessiva del mercato immobiliare è positiva. Ciò è confermato dal fatto che la maggior parte delle agenzie e degli sviluppatori intervistati ritiene che i propri ricavi rimarranno al livello del 2023 o aumenteranno.

Dopo la pandemia e il conflitto in Ucraina, che nei tre anni precedenti hanno avuto un impatto significativo sui prezzi degli immobili, il conflitto in corso in Medio Oriente rappresenta una nuova sfida anche per questo settore. Più della metà delle agenzie (51%) ha risposto di non sapere se il conflitto in Medio Oriente influenzerà il mercato immobiliare in Serbia nel 2024, mentre il 74% degli sviluppatori non è in grado di prevederlo.

Per quanto riguarda i prezzi degli affitti degli appartamenti a Belgrado e nelle altre principali città della Serbia, per il prossimo anno, la maggior parte delle agenzie (64%) ritiene che i prezzi degli affitti ristagneranno, il 26% che diminuiranno, mentre il 10% pensa che i prezzi aumenteranno.

La maggior parte delle agenzie intervistate ha individuato tre fattori principali che hanno influito sulla loro attività: prestiti immobiliari sfavorevoli (62%), riduzione della domanda di immobili (51%) e incertezza della situazione geopolitica e, di conseguenza, maggiore cautela dei clienti nel pianificare l’acquisto e la vendita di immobili (39%). Altri fattori citati sono il fatto che i clienti aspettano un calo dei prezzi e rimandano gli acquisti.

Gli sviluppatori ritengono inoltre che le condizioni di prestito sfavorevoli abbiano avuto il maggiore impatto sulla loro attività (74%). Seguono l’aumento del prezzo dei materiali da costruzione (37%), la cattiva situazione geopolitica (26%) e la riduzione della domanda di appartamenti di nuova costruzione (21%). Secondo gli esperti, l’insieme di questi fattori ha portato i clienti ad essere più cauti nel pianificare gli acquisti.

(Biznis i Finansije, 22.12.2023)

https://bif.rs/2023/12/da-li-ce-pasti-cene-stanova-u-beogradu-u-2024-godini/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!