Serbian Monitor

I partiti “SSP, DS, NS” si presenteranno insieme alle prossime elezioni

Il partito “SSP” di Dragan Djilas, i “DS” di Zoran Lutovac e il partito “NS” di Vuk Jeremic avrebbero concordato una partecipazione congiunta alle elezioni nonché avrebbero deciso la distribuzione delle quote per la lista partitica nelle elezioni parlamentari. Come appreso dal quotidiano “Nova”, nei prossimi giorni si terrà una sessione congiunta della dirigenza di questi 3 partiti, e si prevede che la decisione sulla partecipazione alle prossime elezioni sarà resa nota entro la fine della settimana.

Dopo quasi due mesi di trattative, i leader di SSP, DS e NS hanno deciso di candidarsi insieme alle elezioni parlamentari, comunali di Belgrado e presidenziali, che si terranno il 3 aprile del prossimo anno. Una fonte di “Nova” dice che Djilas, Lutovac e Jeremic hanno concordato anche le quote per la lista partitica con una diversa distribuzione dei primi 50 posti e degli altri 50.

Sarebbe stato concordato che l’SSP e i suoi partner avranno 94 seggi in lista per le elezioni parlamentari, mentre 73 seggi ciascuno saranno per il Partito Democratico (DS) e il Partito Popolare (NS), con membri di movimenti minori sulle loro quote. Dieci posti apparterranno a personalità apartitiche, che saranno tra le prime 30.

La fonte di “Nova” dice anche che questi tre partiti hanno convenuto che i candidati per le posizioni più alte, dal sindaco di Belgrado al Presidente della Serbia, verranno decisi per consensus.

Il candidato sindaco di Belgrado per l’opposizione dovrebbe essere una persona apartitica. Secondo alcune informazioni, si sa già chi sarà in corsa come primo uomo della capitale nella futura coalizione. Non c’è invece un accordo concreto sul candidato alla presidenza della Serbia, anche se si era accennato al vicepresidente dell’Assemblea nazionale, Zdravko Ponos. Tuttavia, gli stessi hanno sottolineato di avere più candidati che potrebbero svolgere questa funzione.

Photo credits: “Nova.rs, Ivan Dinić/Nova S”

OTKRIVAMO Ovako će opozicija podeliti kvote na izbornoj listi

This post is also available in: English

Exit mobile version