I partiti dell’opposizione abbandonano l’incontro con Brnabic

I deputati dell’opposizione della coalizione “Serbi contro la violenza” (SPN) hanno abbandonato l’incontro con il Presidente del Parlamento serbo, Ana Brnabic, giovedì.

L’incontro è il terzo convocato dalla Brnabic per discutere le raccomandazioni dell’ODIHR sulle condizioni elettorali. L’opposizione vuole che tutte le elezioni locali si tengano nello stesso giorno, il che richiederebbe emendamenti alla legge sulle elezioni, una revisione delle liste elettorali e il pieno accesso alla TV di Stato serba. Le autorità non hanno accettato di tenere le elezioni locali nello stesso giorno e Brnabic ha convocato le elezioni dell’Assemblea cittadina di Belgrado per il 2 giugno.

I parlamentari del Partito della Libertà e della Giustizia (SSP), del Partito Democratico (DS), del Fronte Verde-Sinistra e del Movimento Popolare di Serbia hanno dichiarato ai giornalisti che l’incontro era solo di facciata. All’incontro hanno partecipato l’ambasciatore statunitense Christopher Hill, il capo della delegazione dell’Unione Europea Emanuele Giaufret e il capo della missione OSCE Jan Braatu.

La deputata del Partito della Libertà e della Giustizia, Marinika Tepic, ha dichiarato di aver cercato di dire ai tre ambasciatori che Brnabic aveva convocato la terza riunione del Collegium per far ricadere la colpa sull’opposizione. “Brnabic ha mentito. Eravamo disposti a trovare una soluzione perché stiamo lottando per elezioni regolari e queste elezioni (il 2 giugno) saranno una farsa”, ha detto ai giornalisti e ha aggiunto: “Non possiamo partecipare alle elezioni prima che le raccomandazioni dell’ODIHR siano attuate”.

Il leader dei DS, Zoran Lutovac, ha dichiarato che le autorità negano l’esistenza di un problema elettorale o di una crisi politica. “Siamo in una profonda crisi politica”, ha dichiarato.

Il deputato del Fronte Verde-Sinistra Biljana Djordjevic ha detto di aver sfatato l’affermazione delle autorità secondo cui l’opposizione starebbe ostacolando l’attuazione delle raccomandazioni dell’ODIHR, mentre un deputato del Movimento Popolare di Serbia, Miroslav Aleksic, ha osservato che Brnabic intendeva discutere le raccomandazioni dell’ODIHR che, in realtà, non cambiano nulla.

(Voce dell’America, N1, 12.04.2024)

https://www.glasamerike.net/a/dijalog-pregovori-izborni-uslovi-sastanak-vlast-opozicija-marinika-tepic-ana-brnabic-kristofer-hil-izbori-bojkot/7565645.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top