I narcotrafficanti costruiscono centrali idroelettriche in Serbia

La costruzione di mini centrali idroelettriche attualmente rappresenta un investmento “legale” e più redittizio per i leader di gruppi di spacciatori.

Il riciclaggio di denaro guadagnato attraverso il traffico di cocaina viene effettuato dai signori della droga attraverso investimenti nel settore energetico. La maggior parte del denaro viene investito nella costruzione di singole capacità per la produzione di energia rinnovabile.

Questo è un grande investimento per i cartelli dei narcotrafficanti, perché il capitale sporco viene legalizzato e questo investimento porta loro guadagni  a lungo termine che si misurano in milioni di euro” – dice al quotidiano “Blic” l’interlocutore dell’Agenzia Informativa di Sicurezza.

I narcoboss serbi finanziano questi progetti di energia attraverso fondi di investimento esteri o tramite consorzio. ·

 

Il ruolo dei serbi nella catena della droga

1. La fornitura di contatti con i cartelli della droga in Sud America

2. La fornitura di grandi quantità di cocaina a prezzi accessibili

3. La conservazione della droga nelle “canaline ”

4. Il trasporto marittimo verso i porti dei Paesi Bassi, del Belgio , della Spagna e della Grecia

5. La conservazione della cocaina

6. La riconsegna della droga

7. Le reti di spaccio più grandi sono in Svizzera e in Germania

“Loro si nascondono dietro i fondi e consorzi per evitare di attirare l’attenzione delle strutture di sicurezza. In particolare puntano su investimenti “greenfield” che non abbiano una visibilità  nazionale, ma siano essenziali piuttosto per gli enti locali”, ha detto l’interlocutore, aggiungendo che il denaro della droga viene investito dai criminali nelle costruzioni e nella privatizzazione delle imprese.

L’interlocutore intervistato da “Blic” non ha voluto rivelare chi sono i signori della droga e nella costruzione di quali centrali idroelettriche hanno investito isoldi della cocaina, perché “questi casi sono ancora sotto inchiesta”, dichiarando inoltre che tra i cartelli che operano a livello internazionale, attualmente i più forti sono due gruppi: quello di Nis e di Jagodina.  I membri di questi due gruppi sono gli ideatori, gli organizzatori e gli esecutori del lavoro più difficile nel campo della criminalità organizzata internazionale. Dietro di loro c’è un gruppo di Dejan Stojanovic Keke, l’ex leader della banda dei spacciatori di droga di Nuova Belgrado, i soci di Luka Bojovoc che sta scontando la condanna in prigione nella Spagna, nonché i membri di una banda di montenegrini residenti in Serbia.

Guadagni

Per costruire una mini idrocentrale il permesso viene rilasciato dalle autorità locali ed è necessario stanziare circa 1,5 milioni di euro. L’utile annuale di questi investimenti può ammontare fino a mezzo milione, il che significa che i soldi arrivano indietro in soli tre anni.

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top