I minorenni in Serbia lavorano come persone di servizio

A causa della povertà, sempre più minorenni sono obbligati a compiere lavori fisici: in Serbia Orientale aiutano nei campi, nei dintorni di Sabac raccolgono frutta e verdura. Le loro famiglie sono così povere che non possono nemmeno sfamarli, così si devono arrangiare. Secondo Mionka Nikolic del Comitato per i diritti umani di Majdanpek (Serbia Orientale), la povertà in questa zona sta drammaticamente crescendo, tanto che non sono pochi i bambini che fanno letteralmente la fame. “Sono diffusi anche i matrimoni in giovane età, mentre ci sono pure casi di bambini cresciuti nei boschi o che fin da piccoli lavorano nelle famiglie ricche come personale di servizio. In una scuola avevano un ragazzino che ha iniziato la prima a 14 anni”, dice la Nikolic. “I servizi sociali lo hanno trovato in montagna, dove lavorava come persona di servizio”.

Anche nella zona di Sabac – cittadina a meno di 100 km da Belgrado – quando inizia la stagione, i coltivatori di frutta e verdura ingaggiano per la raccolta dei minorenni, che spesso abbandonano la scuola. Nel locale Centro per i servizi sociali, però, questo non è visto come un problema. Secondo la direttrice Branka Davidovic, la raccolta è più vista come “un aiuto a casa”, mentre il problema maggiore è togliere i bambini dall’accattonaggio. “Gli operatori sociali e la polizia non riescono nemmeno a capire di chi sono i bambini in strada. Abbiamo trovato piccoli provenienti dalla Bosnia, da Novi Sad, da Ruma”, dice la Davidovic.

La situazione è simile anche nelle altre città. Secondo Jadranka Milanovic dell’ufficio UNICEF di Belgrado, il 4% dei bambini fra i 5 e i 14 anni nel nostro Paese lavora nell’attività di famiglia o sono assunti per un compenso modesto. Anche l’organizzazione Astra, che aiuta le vittime del commercio di persone, l’anno scorso ha registrato 426 vittime, di cui 155 bambini. “Si tratta di tutte le forme di lavoro, compresi l’accattonaggio, la prostituzione, il matrimonio forzato e il coinvolgimento nel crimine. La polizia nel 2012 ha aperto procedimenti per 66 vittime, di cui 31 minorenni”, dice Ivana Radovic di Astra.

La Legge in Serbia vieta il lavoro ai minori di 15 anni, mentre tra i 15 e i 19 si può lavorare sotto rigide condizioni stabilite. Come indicano all’Ufficio nazionale per il collocamento, i quindicenni che cercano i mezzi di sussistenza hanno lasciato la scuola e a causa della povertà devono trovare lavoro al più presto. All’ufficio sono attualmente registrate 18.551 persone tra i 15 e i 19 anni. la maggioranza ha finito le scuole superiori, ma 6183 non ha alcuna occupazione.

A Belgrado sono registrati 1858 minorenni in cerca dei mezzi di sostentamento. Di coloro che hanno ufficialmente cercato lavoro lo scorso anno, 6199 lo hanno trovato. In questione sono semplici lavori negli enti pubblici (come la manutenzione del verde cittadino), aiuto nei cantieri, commercianti, cassieri, produttori di utensili, cuochi e simili.

(B92.net, 14.06.2013)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top