I membri del Congresso degli Stati Uniti vogliono che Pompeo supporti la soluzione della Serbia per il Kosovo

Otto membri del Congresso degli Stati Uniti hanno presentato una petizione al Segretario di Stato americano, Mike Pompeo per “il continuo sostegno agli sforzi della Serbia nel cercare una soluzione pacifica, negoziabile e sostenibile con il Kosovo”.

In una lettera a Pompeo, i membri del Congresso hanno affermato che una tale pietra miliare diplomatica non solo creerebbe l’opportunità di raggiungere una pace duratura e stabilità nei Balcani, ma confermerebbe ancora una volta l’impegno costante degli Stati Uniti nei confronti della sicurezza transatlantica.

“Una tale svolta diplomatica non solo potrebbe potenzialmente raggiungere una pace duratura e portare stabilità nei Balcani, ma anche riaffermare il costante impegno degli Stati Uniti nei confronti della sicurezza transatlantica”, hanno scritto in una lettera al Segretario di Stato americano.

“L’iniziativa della Serbia per un accordo con il Kosovo indica non solo che una soluzione a questa disputa è all’orizzonte, ma offre anche un’opportunità unica per aprire la strada all’integrazione con l’occidente dell’intera regione balcanica”, scrivono i membri del Congresso a Pompeo.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

I membri del Congresso fanno appello al segretario di Stato americano a continuare a sostenere questi “sforzi importanti per la pace e la sicurezza futura della regione balcanica nel suo insieme”.

“La Serbia e gli Stati Uniti condividono una visione strategica dell’Europa intera, libera e in pace. Incorporare i Balcani occidentali in questo quadro richiede di affrontare la disputa tra Serbia e Kosovo in modo responsabile e realistico “, afferma la lettera e continua: “La situazione sul campo ha dimostrato che gli approcci unilaterali possono causare ulteriori escalazioni o portare a un conflitto congelato”.

“Pertanto, i partner statunitensi e occidentali dovrebbero incoraggiare e facilitare un compromesso tra Belgrado e Pristina che migliorerà la stabilità regionale e mitigherà la potenziale manipolazione dannosa domestica e l’influenza maligna esterna”, afferma la lettera.

I membri del Congresso accolgono con favore la recente dichiarazione del consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, che ha affermato che “non saremo di ostacolo, non credo che nessuno in Europa si intrometterebbe se le due parti in causa raggiungessero un accordo reciproco.”

I membri del Congresso sostengono che è nell’interesse nazionale degli Stati Uniti “assicurare che i negoziati tra Belgrado e Pristina abbiano successo”.

“È quindi di importanza fondamentale che gli Stati Uniti favoriscano proattivamente i compromessi di entrambe le parti in modo da raggiungere un accordo globale nel processo di Bruxelles”, si legge nella lettera, datata 31 ottobre, firmata da Ted Poe, Emanuel Cleaver, Steve Stenders, Scott Perry, Brian Fitzpatrick, Dana Rohrabacher, Steve Shabot e Joe Wilson.

http://www.politika.rs/sr/clanak/414725/Kongresmeni-traze-od-Pompea-da-podrzi-Srbiju?fbclid=IwAR3uPX9xZy_DtMN2zLV7Kq-NpTtSzB1QQbOPsBZbQHUh4Wah_VB_9z64DGU

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in integrazione, Kosovo, Membri del Congresso, Mike Pompeo, Serbia, ue
La Serbia 48° nella lista “Doing Business 2019” della Banca Mondiale

Il rapporto della CIA sulla Serbia: manodopera a basso costo e sistema giudiziario inefficiente

Close