I lavoratori della “Plastik” pronti a radicalizzare la protesta

“Gli operai della fabbrica “Fiat Plastik” di Kragujevac si sentono traditi, privati ​​dei diritti e delusi perché dieci giorni dopo la promessa della Ministra del Lavoro Darija Kisić Tepavčević di inviare un sopralluogo nell’azienda, non si è ancora visto nessuno”, ha annunciato il Sindacato indipendente della fabbrica.

“La leadership dello Stato è ovviamente impotente nel garantire la sicurezza legale a tutti i cittadini, poiché gli interessi di una società straniera sono al di sopra della Costituzione e delle leggi di questo Paese”, afferma il sindacato.

Secondo lo stesso, ancora una volta la Kisić Tepavčević non ha mantenuto la promessa, o l’ispezione non ha svolto il lavoro per il quale i cittadini serbi la pagano. “O è stata effettuata una finta ispezione, e alle spalle del sindacato, come di solito è avvenuto finora”.

Come annunciato, gli operai della “Fiat Plastik” stanno perdendo la pazienza. “Dopo tutto, non c’è dubbio che lo Stato si sia schierato con un grande investitore straniero e contro i suoi lavoratori, motivo per cui una sorta di radicalizzazione della protesta sarà inevitabile”, ha annunciato il sindacato.

Si dice che i lavoratori “sono stati pazienti e responsabili per molto tempo e hanno fatto di tutto per evitare un’escalation e trovare una soluzione al problema” e si aggiunge che, come prevede lo statuto del sindacato, hanno a lungo evitato di interferire in questioni politiche, ma che ora tutti stanno perdendo sia la pazienza che la fiducia, “visto che si tratta ovviamente di un problema politico”.

https://naslovi.net/2021-10-11/beta/samostalni-sindikat-fijat-plastike-drzavni-vrh-nemocan-radnici-spremni-na-radikalizaciju-strajka/29091263

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top