I lavoratori all’estero non dovranno pagare le tasse anche in Serbia

Il Ministero degli Affari Esteri ha smentito le insinuazioni di alcuni media nazionali secondo cui i cittadini serbi che lavorano temporaneamente all’estero sarebbero obbligati a pagare le tasse sui redditi guadagnati, non solo nel Paese di residenza temporanea, ma anche in Serbia.

La dichiarazione del Ministero afferma che informazioni distorte su fatti non sufficientemente conosciuti creano irragionevolmente preoccupazione tra i cittadini, i quali hanno inondato di richieste di spiegazioni le missioni diplomatiche e consolari della Serbia.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Facciamo appello ai residenti in Serbia che si trovano temporaneamente all’estero a non prestare attenzione a testi non verificati quando si tratta di procedure fiscali per questa specifica categoria; nulla cambierà fondamentalmente in relazione alla pratica corrente”, si legge nel bando del Ministero degli Affari esteri.

Nella speranza che dietro agli articoli di media irresponsabili e imprecisi su questo argomento, non ci siano intenzioni malvagie, ma solo malintesi, il Ministero sottolinea che la Serbia sta facendo e continuerà a fare di tutto per aiutare la sua diaspora in ogni modo.

Il Ministro delle Finanze, Siniša Mali, ha affermato oggi che la falsa informazione sul pagamento obbligatorio delle tasse per tutti i cittadini serbi che lavorano per datori di lavoro stranieri all’estero, confonde ulteriormente i cittadini e che non c’è bisogno di cancellare la residenza nel Paese.

“Le norme sulla tassazione degli stipendi che i nostri cittadini guadagnano all’estero non sono cambiate dall’inizio di questo secolo. Le persone che lavorano e vivono all’estero sanno dove pagare le tasse”, ha sottolineato Mali in una dichiarazione scritta inviata ai media.

Come ha spiegato, i residenti in Serbia sono soggetti alle imposte sui salari in Serbia sulla base degli stipendi loro pagati da datori di lavoro stranieri all’estero, ma la doppia tassazione di questi stipendi viene eliminata in conformità con le normative nazionali e sulla base degli accordi sulla doppia tassazione.

I trattati sulla doppia tassazione prevedono regole che impediscono ai nostri cittadini di avere la stessa residenza in Serbia e nel Paese in cui lavorano.

Di norma, secondo questi accordi, avranno la residenza nello Stato in cui lavorano, il che si traduce nel fatto che non avranno alcuna responsabilità fiscale in Serbia sulla base degli stipendi guadagnati sul lavoro all’estero.

http://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/finansije/msp-kategoricno-gastarbajteri-nece-placati-porez-na-zaradu-u-inostranstvu_1191642.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... diaspora, lavoratori all'estero, Mali
L’Ungheria sosterrà nove aziende che vogliono investire in Serbia

Mali: “L’arrivo dell’americana “DFC” garantirà miliardi di dollari di investimenti”

Chiudi