I giovani di età inferiore ai 24 anni sono i più esposti al rischio di povertà in Serbia

Nel 2021, il tasso di rischio di povertà in Serbia era del 21,2%, rispetto al 2020 inferiore di 0,5 punti percentuali. Le persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni erano le più esposte al rischio di povertà.

Secondo il rapporto dell’Istituto statistico della Repubblica, il tasso si riferisce alla percentuale di persone il cui (equivalente disponibile) reddito è inferiore alla soglia di rischio povertà, che nel 2021 ammontava in media a 24.064 dinari al mese per il nucleo familiare unipersonale. Questo tasso non mostra quante persone sono veramente povere, ma quante di loro hanno un reddito al di sotto della soglia considerata a rischio di povertà. Il reddito equivalente è il reddito familiare disponibile totale distribuito uniformemente tra i membri della famiglia secondo la scala dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), afferma la spiegazione.

La soglia di rischio di povertà per una famiglia con due adulti e un bambino di età inferiore ai 14 anni era di 43.315 dinari, mentre per una famiglia di quattro persone con due adulti e due bambini di età inferiore ai 14 anni era di 50.533 dinari. Dall’altra parte il tasso di rischio di povertà o esclusione sociale è stato invece del 28,5 per cento, rispetto al 2020 inferiore di 1,3 punti percentuali.

Osservando in base all’età, le persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni sono state le più esposte al rischio di povertà, il 27,7 per cento, così come le persone di età pari o superiore a 65 anni, il 22,7 per cento. Le persone di età compresa tra 25 e 54 anni avevano il tasso più basso di rischio di povertà, il 19,1%. Per tipologia di nucleo familiare, le famiglie con figli a carico erano più esposte al rischio di povertà, il 21,4 per cento, rispetto alle famiglie senza figli a carico, il 20,9 per cento. Le famiglie composte da due adulti con tre o più figli a carico presentavano il più alto rischio di povertà, 38,8 per cento, e le famiglie composte da tre o più adulti avevano il più basso tasso di rischio, 14,3 per cento.

I lavoratori autonomi avevano un tasso di rischio di povertà più elevato rispetto ai lavoratori dipendenti da un datore di lavoro, il 14,5 per cento rispetto al 5,4 per cento. Per i pensionati, questo tasso era del 19,9%.

Mladi do 24 godine najviše izloženi riziku od siromaštva u Srbiji

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top