I commercianti hanno prima alzato e poi abbassato i prezzi per il “Black Friday”

Anche se il “Black Friday” doveva essere importante per i commercianti e per i consumatori, in Serbia gli acquirenti non hanno visto grandi differenze di prezzo e alcuni commercianti non hanno perso molto perché non hanno fatto sconti reali. Anzi.

Alcuni hanno addirittura “aumentato” i prezzi, quindi oltre che da code davanti ad alcuni negozi nei centri commerciali nel bel mezzo della settimana peggiore dall’inizio dell’epidemia da coronavirus, questo weekend di consumo è stato segnato dai “trucchi” di alcuni rivenditori.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il “Black Friday” è il fine settimana che negli Stati Uniti viene utilizzato per la vendita di merci che dovrebbero essere sostituite presto sugli scaffali, quindi i commercianti abbassano i loro margini e offrono sconti fino al 70, persino al 90%.

In Serbia gli sconti non sono così grandi, e anche quelli minimi del 10 o 20% sono in realtà spesso falsi, perché i commercianti aumentano i prezzi prima del “Black Friday” per abbassarli presumibilmente subito dopo e portarli al valore di prima.

Sul forum “Reddit”, si vede per esempio un modello di laptop “Lenovo”, che costava 154.999 dinari nel negozio “Gigatron” a settembre; il fine settimana scorso, con uno sconto del 25% il prezzo era comunque di 158.329 dinari. Secondo la pubblicità, il suo acquisto avrebbe consentito di risparmiare 52.780 dinari, perché il prezzo di vendita al dettaglio era aumentato a 211.109 dinari.

Questi prezzi non sono più sul sito di questo negozio perché il fine settimana del “Black Friday” è passato e non c’è più un modello specifico nell’offerta.

Il direttore delle vendite di “Gigatron”, Predrag Manojlović, dichiara a “Danas” che loro operano in Serbia da 18 anni e che non possono permettersi pubblicità false o scarsa qualità di prezzi, offerte e servizi.

Lo stesso osserva che a livello globale a causa della pandemia e del COVID-19 c’è un serio problema con la carenza di laptop a causa della ridotta produzione e allo stesso tempo dell’aumento della domanda dovuta al lavoro da casa.

“Ad ogni nuova importazione, le merci acquistate sono più costose, quindi ciò influisce direttamente sulla crescita dei prezzi al dettaglio in conformità con la legge. E’ vero che il prezzo al dettaglio è cambiato 20 giorni prima del weekend su un paio di prodotti su un totale di 2.573 che erano in vendita, ma è anche vero che abbiamo reagito immediatamente e che tutti gli acquirenti di questi prodotti sono stati contattati e risarciti e abbiamo garantito ai clienti attraverso la nostra politica aziendale che non ci saranno più tali situazioni”, sottolinea Manojlović.

https://www.danas.rs/ekonomija/trgovci-pred-crni-petak-dizali-pa-spustali-cene/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top