I cinesi interessati ai complessi agricolo-industriali in Serbia

“La società cinese ‘Hen Chang Group’ è interessata alla privatizzazione dei complessi agricolo-industriali in Serbia, soprattutto al Combinato Agricolo di Belgrado (PKB)” , ha detto lunedi, l’11 maggio, la ministra dell’agricoltura e dell’ambiente  Snezana Bogosavljevic Boskovic.

Dopo un incontro con i rappresentanti di questa società e con i rappresentanti  della Banca dello Sviluppo cinese, la ministra ha detto che gli investitori cinesi puntano a società quali la “PIK Becej” e  la “PIK Zemun”, aggiungendo che i cinesi sono interessati all’affitto dei terreni agricoli nonché a investimenti greenfield.

Il rappresentante della Banca dello Sviluppo cinese in Serbia Wang Yusheng ha detto ai giornalisti che questa istituzione finanziaria è molto interessata a investire in terreni agricoli e in infrastrutture in Serbia. “La nostra banca fornirà fondi per finanziare progetti medi e quelli più grandi”, ha detto Yusheng aggiungendo che questi finanziamenti saranno finalizzati a stabilire una migliore cooperazione tra i due paesi, nonché alla realizzazione di interessi comuni e ha sottolineato inoltre che sono coscenti dei vantaggi dell’investire in Serbia.

Il direttore della “Hen Chang Group” Wei Yushan ha sottolineato  che  questa  compagnia è molto  interessata a investire nell’ agricoltura e nella produzione biologica in Serbia. “Crediamo che la Serbia abbia un grande potenziale per quanto riguarda il businesss nel settore agroalimentare”, ha detto il presidente della compagnia “Chang Hen Group”.

Ekapija 12.05.2015

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1139805/Kinezi-zainteresovani-za-poljoprivredne-kombinate-u-Srbiji

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... agricoltura, agricoltura biologica, aziende pubbliche, Cina, esportazioni, industria agricola
L’italiana “Itec Trade” apre a Jagodina

Slow Food in Serbia: il cibo tipico come fattore di sviluppo e modernità

Chiudi