Le fabbriche di lavoro forzato in Serbia

I locali in cui vivono e dormono i lavoratori cinesi, impegnati nella costruzione della fabbrica di pneumatici “Linglong” a Zrenjanin, le cui foto sono apparse due giorni fa nei media, sembrano veri e propri campi di lavoro forzato. Purtroppo non è l’unica fabbrica in Serbia i cui lavoratori vivono e lavorano in condizioni disumane: storie simili si sentono alla sudcoreana “Yura”, alla “Zidjin” di Bor, alla “Geox” a Vranje e alla “Benetton” a Nis.

“Linglong” a Zrenjanin

A giudicare dalle foto, i lavoratori cinesi impegnati nella costruzione della fabbrica di pneumatici “Linglong” a Zrenjanin alloggiano in stanze di cemento con una dozzina di letti a castello in metallo. Pezzi di nylon verde e singoli indumenti sono attaccati come “divisori” improvvisati tra i letti, che forniscono un minimo di intimità.

Con l’eccezione di un tavolo e alcune sedie rotte, non ci sono altri mobili nella stanza dove i lavoratori trascorrono la maggior parte del loro tempo libero. I vestiti sono appesi sui letti attorno ai quali si possono vedere numerose bacinelle e secchi di plastica. Inoltre, la maggior parte delle camere non dispone di servizi igienici e bagni.

Dušan Kokot del “Građanski preokret” ha detto che a Zrenjanin sta nascendo una “specie di campo di lavoro forzato”.

“Sulla base della documentazione che è stata resa pubblica, è del tutto chiaro che le condizioni di vita sono disumane. Possiamo dire abbastanza chiaramente che c’è una sorta di campo di lavoro forzato per le persone che lavorano alla “Linglong”, ha detto Kokot a Radio Free Europe, osservando che né le autorità locali né le autorità statali hanno risposto ai loro appelli per esaminare le condizioni di vita di questi lavoratori.

“Zidjin” a Bor

A causa delle condizioni disumane dei lavoratori cinesi in Serbia, a metà gennaio è scoppiata una protesta nella miniera “Čukar Peki” della compagnia “Zidjin” a Bor.

Secondo le registrazioni poi sottoposte a Radio Free Europe, i lavoratori erano alla ricerca di un miglioramento delle condizioni di vita. Affermavano di vivere come prigionieri e di non essere autorizzati a lasciare il campo di lavoro, né ad avere contatti con la popolazione.

I lavoratori qui hanno a disposizione un solo bagno per 80 persone, un accesso poco frequente all’acqua calda e più di 50 lavoratori hanno a loro disposizione solo quattro cabine doccia.

La “Zidjin” si è rifiutata di rispondere alle domande dei giornalisti sulle condizioni dei loro lavoratori a Bor, e in una successiva dichiarazione li ha accusati di mentire e protestare “perché vogliono prendere il vaccino per recarsi in Cina a festeggiare il capodanno cinese a febbraio.”

La sudcoreana “Yura”

La fabbrica di cavi per auto della società sudcoreana “Yura”, che ha tre stabilimenti in tre città con un totale di circa 6.500 lavoratori, è nota per le accuse di mobbing, umiliazione e crudeltà verso i dipendenti, impedimento di organizzazioni sindacali e mancanza di rispetto delle misure di sicurezza durante l’epidemia.

Così, nell’ottobre dello scorso anno, il quartier generale per le situazioni di emergenza a Nis aveva affermato che la fabbrica “Yura” era stata colpita dalla pandemia e aveva chiesto aiuto allo Stato, poiché gli infetti rappresentavano il 60% del numero totale di pazienti in città.

Le accuse sulle condizioni di lavoro nella fabbrica circolano dal 2016, quando si era tenuto uno sciopero nello stabilimento della “Yura” di Leskovac, durante il quale i sindacati avevano scoperto che i lavoratori non solo non potevano avere un giorno libero a settimana, che appartiene a loro per legge, ma subivano abusi fisici e mentali a cui nessuno reagiva.

“Sono stati picchiati con manganelli di metallo, e le donne sono state aggredite sessualmente, anche se non c’è stato stupro. A loro è stato vietato di andare in bagno e gli è stato consigliato di indossare i pannolini. Quando qualcuno si ammala, l’ambulanza viene chiamata in fabbrica, e se l’operaio non viene portato in ospedale è obbligato a tornare al lavoro dopo aver ricevuto aiuto”, aveva dichiarato il presidente del sindacato “Sloga”, Zeljko Veselinovic, in quell’occasione.

“Geox” a Vranje

Scioperi e proteste allo stabilimento Geox di Vranje per le pesanti condizioni di lavoro.

Nel novembre dello scorso anno, 300 lavoratori del primo turno hanno sospeso la produzione del calzaturificio “Geox” di Vranje per lavoro straordinario non retribuito, prolungamento dell’orario di lavoro e ritardo nei pagamenti a chi è in congedo per malattia.

I fatti recenti dicono che, anche dopo cinque anni da quando era apparsa la notizia che i dipendenti di questa fabbrica lavorano in condizioni disumane e subiscono torture, l’investitore italiano non ha ancora fornito condizioni di lavoro normali.

Gordana Krstić (50 anni), ex dipendente della fabbrica “Geox”, aveva raccontato 5 anni fa come i dipendenti subissero torture.

“I lavoratori hanno una paura costante. Possono andare in bagno solo due volte, non devono lamentarsi, non devono chiedere, sono lì per tacere e spesso subiscono insulti. Sono offesi o chiamati zingari e costantemente minacciati di licenziamento”.

Aveva aggiunto che quando la capa Tiziana Cesoni aveva notato che qualcuno era andato in bagno più di due volte, la stessa aveva detto agli operai di indossare i pannolini, facendo vedere come indossarli. Andare al lavoro per lei era diventato un incubo, motivo per cui aveva dovuto smettere.

“Benetton” a Nis

Alla fine di aprile dello scorso anno, circa 600 persone sono state licenziate in cinque giorni nelle società di Nis “Tehnostiro”, “Nora Serbia” e “Tessil”, tre subappaltatori di “Olimpias”, una fabbrica per la produzione di articoli tessili il cui unico acquirente di prodotti finiti è il gruppo Benetton.

“Abbiamo lavorato durante la pandemia. Ora quando tutti tornano a lavorare, siamo stati licenziati. Invece di una ricompensa e di uno stipendio, veniamo licenziati”, aveva detto in quell’occasione a Radio Free Europe, Slavica Petrovic, una lavoratrice del gruppo “Tessil”.

Questa è un’altra fabbrica in Serbia che ha la reputazione di vietare ai lavoratori di andare in bagno. Nel luglio 2017, i dipendenti della fabbrica del gruppo “Olimpias” avevano affermato di lavorare in cattive condizioni e di poter andare in bagno solo durante la pausa.

Photo credits: “Južne vesti/DM/Nova S/Facebook”

“Radni logori” u Srbiji: Neuslovni smeštaj, rad bez pauze

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... campi di lavoro forzato, condizioni di lavoro, Geox, Linglong
RERI: “Aiuti di Stato eccessivi alla Linglong Tire”

Lavoratori in sciopero alla “Geox” di Vranje

Chiudi