I Balcani tra i più soggetti a notizie false

Una nuova indagine sull’alfabetizzazione mediatica in Europa ha dimostrato che i paesi balcanici sono i meno “resistenti” alla diffusione di notizie false.

La ricerca pubblicata dalla Open Society Institute di Sofia, sotto la presidenza di George Soros, comprende la valutazione della qualità dell’istruzione, la libertà dei mezzi di comunicazione e la fiducia del pubblico, con la quale si classifica la suscettibilità di 35 stati alla disinformazione.

Secondo un sondaggio sulla mediatica in Europa, la Croazia è al 24 °, la Serbia al 29 °,il Montenegro al 31 °, la Bosnia-Erzegovina e l’Albania al 32 ° e al 33 ° posto nella lista dei 35 paesi.

La ricerca ha dimostrato che i paesi Balcanici sono i “più vulnerabili” alla diffusione di notizie false etichettate come “inganni menzogne e disinformazione di  governi  stranieri o nemici “, riferisce l’Euronews .

Si specifica che i paesi Scandinavi sono i più qualificati a resistere  a queste informazioni false,in quanto i fatti oggettivi hanno meno influenza nella formazione dell’opinione pubblica rispetto alle emozioni o alle convinzioni personali.

La Macedonia e la  Turchia sono in fondo alla classifica quando si tratta alfabetizzazione mediatica, mentre al primo posto c’è  la Finlandia, che ha “un forte sistema di Istruzione pubblica” e di  “capacità di pensiero critico “, che sono considerati chiave per la “resistenza” alle notizie false, scrive l’Euronews.

(https://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2018&mm=03&dd=31&nav_category=12&nav_id=1375924 )

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top