I Balcani occidentali continuano ad essere una minaccia per gli USA: Trump ha esteso la validità degli avvertimenti di massima allerta

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha esteso la validità degli avvertimenti di massima allerta riguardo ai Balcani occidentali in vigore dal 2001. Trump ha informato il Congresso degli Stati Uniti che la minaccia per il quale è stato introdotto un tale grado di avvertimento esiste ancora, ha affermato la Casa Bianca.

“La minaccia che si riflette nelle azioni delle persone coinvolte, l’aiuto, il finanziamento e il sostegno a tale violenza estremista nella Macedonia del Nord e in altri paesi dei Balcani occidentali, così come le ostruzioni dell’attuazione dell’accordo di Dayton in Bosnia ed Erzegovina o della Risoluzione 1244 delle Nazioni Unite in Kosovo non sono state rimosse”, è stato affermato in una decisione firmata da Trump.

La decisione Trump indirizzata al Congresso afferma che “gli atti di violenza estremista e le ostruzione elencate nei regolamenti esecutivi (dal 2001) sono ostili agli interessi degli Stati Uniti” e “continuano a rappresentare una minaccia inusuale e grave per la sicurezza nazionale e la politica estera”.

“Ecco perché ho deciso che fosse necessario che il livello di massima allerta in connessione con i Balcani occidentali resti in vigore dopo il 26 giugno 2019,” ha detto Trump.

Il regolamento esecutivo sull’aumento del livello di allerta, nei confronti dei Balcani occidentali, è stato firmato per la prima volta da George Bush, il 26 giugno del 2001. È stato emendato nel 2003, per includere ulteriori misure relative all’ostruzione dell’applicazione dell’Accordo di Ohrid nell’allora Macedonia.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Balcani occidentali, Casa Bianca, Donald Trump, Kosovo
Rapporto delle Nazioni Unite: Crescita degli investimenti nei Balcani occidentali – Tendenza negativa nel mondo

Lo Cascio: “Ci attendiamo da Pristina comportamenti coerenti con lo spirito del Dialogo”

Close