HORES: “Hotel in montagna pieni al 90% durante il capodanno”

Il direttore dell’associazione imprenditoriale dell’industria alberghiera e della ristorazione serba (HORES), Georgi Genov, ha affermato che gli hotel nei centri invernali della Serbia erano pieni al 90% circa durante le vacanze di Capodanno e che c’erano anche alcuni stranieri tra gli ospiti.

Ha detto a “Beta” che la Serbia non ha molte capacità alberghiere nelle località invernali e che ci sono solo dieci hotel con circa 1.200 camere a Zlatibor, circa 1.000 camere negli hotel di Kopaonik, circa 500 camere a Divčibare e Tara e 150 a Zlatar, mentre a Stara Planina c’è un solo albergo con circa 200 camere.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Zlatibor e Kopaonik hanno la maggior parte degli hotel, ma quelle 2.200-2.300 camere possono ospitare un massimo di circa 4.000 ospiti, mentre gli alloggi privati ​​possono ospitare circa 30.000 ospiti”, ha detto Genov.

Ha aggiunto che a prima vista sembra che le capacità alberghiere nei centri invernali siano più alte, ma che non è vero che la Serbia pratica ancora un turismo povero e a basso costo e utilizza principalmente i servizi di alloggio, ma non la ristorazione.

Secondo lui, gli hotel nei centri termali sono per lo più chiusi, tranne l’anno scorso, quando c’erano ospiti in alcuni di quelli aperti di recente.

Genov ha detto che alcuni hotel di Belgrado avevano ospiti per una ventina di stanze per le vacanze di Capodanno e che tra loro c’erano degli stranieri.

“HORES”, come ha dichiarato, chiederà all’Unità di Crisi di consentire il lavoro nelle hall degli hotel fino alle 23 in modo che gli ospiti possano bere il tè, cosa che non mette in pericolo la situazione sanitaria, poiché si tratta di grandi aree in cui è possibile rispettare la distanza sociale.

HORES: Hoteli u zimskim centrima za novogodišnje praznike popunjeni 90 odsto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... capodanno, Hores, hotel in montagna, Kopaonik
I dubbi del “Krizni stab” per le festività

Il tempo delle feste e le misure per contenere l’epidemia

Chiudi