Haradinaj: la Serbia protesta ma non interrompe le relazioni diplomatiche con la Francia

Il Primo Ministro serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato lunedì che la Serbia non ha interrotto le relazioni diplomatiche con la Francia, a seguito del respingimento della richiesta di estradizione di Ramush Haradinaj.

Tuttavia Vucic, secondo quanto riferisce Beta “ha sottolineato che non permetterà a nessuno di calpestare la Serbia”, aggiungendo di aver chiesto a Vucic a funzionari e impiegati nei ministeri di non recarsi in Francia per i prossimi tre mesi.

Incontrando i giornalisti in occasione della sua visita presso il bacino minerario di Kolubara a Medosevac, il Primo Ministro ha inoltre sottolineato che l’unica mossa del governo è stata quella di inviare una nota di protesta in Francia, ma che questo “non è un grosso problema”, perché lo scorso anno venti note simili sono state scambiate tra Serbia e Croazia.

Rivolgendosi alla Francia, Vucic ha chiesto: “Perché vi siete fidati della magistratura serba, quando i colpevoli dell’assassinio del vostro connazionale Brice Taton sono stati perseguiti, ma oggi non vi fidate della stessa magistratura quando Ramush Haradinaj dovrebbe essere messo sotto processo?”.

Il quotidiano Vecernje Novosti ha riferito il 29 aprile che il governo serbo ha ordinato a tutti i funzionari governativi e dipendenti nei ministeri, così come agli amministratori di società pubbliche, di annullare i loro viaggi di lavoro previsti in Francia, e di non organizzare eventuali visite o attività nel paese nel corso di un periodo di tre mesi.

Il quotidiano ha evidenziato che tale misura rientra in una serie di risposte alla decisione del tribunale francese di respingere la richiesta della Serbia per l’estradizione dell’ex leader dell’UCK Ramush Haradinaj, sospettato di crimini di guerra commessi in Kosovo nel 1998 e nel 1999.

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

(b92, 01.05.2017)

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2017&mm=05&dd=01&nav_id=101154

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Francia, Haradinaj
No all’estradizione di Haradinaj: le reazioni in Serbia

Haradinaj libero: dalla Corte d’appello il no all’estradizione in Serbia

Chiudi