Halal: una nuova sfida e opportunità nel mercato globale

Il numero dei consumatori di alimenti prodotti in linea con gli standard di qualità Halal è in crescita da anni, e un numero crescente di aziende serbe sta valutando se implementare i prodotti Halal nella loro produzione.

Prijepolje è uno dei pochi comuni in Serbia che concedono sussidi per la certificazione Halal. Il comune ha fornito sussidi per il terzo anno consecutivo, nel tentativo di aiutare i produttori agricoli e alimentari a raggiungere un mercato più ampio.

“L’anno scorso, abbiamo riservato 3 milioni di dinari per questo scopo. Quindici aziende e singoli produttori sono stati in gara per questi fondi, e cinque di loro hanno effettivamente soddisfatto le condizioni prescritte. Un totale di 1,5 milioni di dinari è stato infine assegnato”, spiega Dragoljub Zindovic, presidente del Comune di Prijepolje.

L’Ente di Certificazione Halal sottolinea che l’acquisizione della certificazione Halal non è solo una sfida, ma un lasciapassare per il mercato globale di massa, con oltre 1,4 miliardi di consumatori di alimenti Halal. “I prodotti che contengono alcol, carne di maiale e OGM non possono ottenere la certificazione. Ci sono 53 aziende in Serbia in questo momento che possiedono la possiedono, e 15 sono in procinto di ottenerla”, dichiara Samir Tandir dall’Agenzia di Certificazione Halal, con sede a Novi Pazar.

L’Agenzia offre corsi di formazione alle aziende interessate, e, una volta ottenuto il certificato, il processo di produzione viene esaminato almeno quattro fasi diverse: dal controllo dell’origine delle materie prime utilizzate al controllo del prodotto pronto ad essere immesso nel mercato.

La società Zlatiborac da Mackat ha ottenuto la certificazione nel 2011. “Grazie alla qualità Halal, la nostra azienda ha esportato in Azerbaigian, Turkmenistan, Kazakistan e in molti altri paesi nel mondo islamico. Molte catene di supermercati della UE hanno ora incluso tali prodotti nella loro gamma”, spiega Dusko Knezevic, Amministratore delegato di Zlatiborac.

A parte il comune di Prijepolje, il Ministero dell’Agricoltura e il governo della Vojvodina forniscono sussidi per la certificazione.

(RTS, 19.02.2017)

*La certificazione halāl è lo strumento che garantisce i fedeli di religione musulmana circa la conformità di un prodotto alimentare (e più in generale di un bene/servizio) ai precetti religiosi (https://it.wikipedia.org/wiki/Certificazione_halal).

http://www.rts.rs/page/stories/sr/story/13/ekonomija/2636608/halal-standard–novi-izazov-i-ulaznica-za-sire-svetsko-trziste.html

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top