Guitar Art Festival: integrazioni e leggende della chitarra a Belgrado

Il XVIII Guitar Art Festival si terrà dal 20 al 25 marzo a Belgrado, all’insegna dello slogan “Integrazioni”.

Il Guitar Art Festival confermerà la propria fama, riproponendosi ancora una volta come uno dei più grandi festival di chitarra in tutto il mondo, ospitando oltre 150 partecipanti provenienti da 20 paesi.

Attraverso 13 concerti il pubblico avrà a disposizione una interessante selezione di musicisti di livello mondiale attivi nel campo della musica classica, tango, flamenco, blues, rock e creazioni musicali contemporanee.

Ad aprire il Festival il concerto “Fusion Of Latin American classic”, che si svolgerà presso la Kolarac Foundation il 20 marzo. Il concerto sarà animato dalla presenza e dalle esibizioni di Roberto Aussel, dal musicista di bandoneon Aleksandar Nikolić e dall’orchestra da camera Anima Musicae dall’Ungheria.

La leggenda vivente Tommy Emmanuel si esibirà il 23 marzo 2017: per il pubblico l’appuntamento rappresenta l’opportunità di ascoltare per la prima volta le canzoni del suo ultimo album “It’s never too late”.

Le restanti quattro notti di concerto del Guitar Art Festival si terranno presso la Dom Omladine di Belgrado. I più grandi rappresentanti della scena moderna ispanica, gli Ultra High Flamenco, si esibiranno per la prima volta in Serbia insieme al noto ballerino di flamenco, Rosario Toledo; è in programma inoltre un concerto del quartetto di Giorgos Georgopulus che fonde il suono urbano del bouzouki con melodie tradizionali greche, ed un concerto del talento versatile e non convenzionale di Bojan Ivanovski, che presenterà un’anteprima del nuovo progetto “A whole new world”.

Insieme alla parte tradizionale del programma, il Guitar Art Festival presenta quest’anno il progetto Guitar Integrations, che riunirà chitarristi classici dalle repubbliche della ex-Jugoslavia, i quali, oltre a tenere singoli concerti, lavoreranno anche alla creazione di un nuovo pezzo come gruppo. Il compositore italiano Carlo Domeniconi sta componendo un pezzo per 6 chitarre, che sarà eseguito da Mak Grgic, Srdjan Bulat, Sanel Redzic, Nemanja Ostojic, Rados Malidžan e Darko Bageski in occasione della cerimonia di chiusura del Festival, il 25 marzo 2017 presso la Dom Omladine a Belgrado.

IL PROGRAMMA DEI CONCERTI: 

CONCERT PROGRAM:

Lunedì, 20 marzo

20.00 – Roberto Aussel, Aleksandar Nikolic & Anima Musicae Chamber Orchestra

Martedì, 21 marzo 

18.00 – Sanel Redzic

19.00 – Nemanja Ostojic

21.00 – Bojan Ivanovski Jobby

Mercoledì, 22 marzo

18.00 – Darko Bageski

19.00 – Srdjan Bulat

21.00 – Giorgos Georgopoulos quartet

Giovedì, 23 marzo

20.00 – Tommy Emmanuel & friends

Venerdì, 24 marzo

18.00 – Rados Malidzan

19.00 – Mak Grgic

21.00 – Ultra High Flamenco & Rosario Toledo

Sabato, 25 marzo 

19.00 – Closing ceremony and award ceremony

20.00 – World Guitar Orchestra

20.30 – Carlo Domeniconi & friends

(Tourist Organization of Belgrade, Sito web Guitar Art Festival, 17.03.2017)

http://www.tob.rs/belgrades-events/other/guitar-art-festival

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, festival
Ada Mall, il nuovo centro commerciale a Belgrado della polacca GTC

Luigi Tozzi: dall’Italia al Drugstore, tempio belgradese della musica techno

Close