Grecia e Serbia più vicine dopo la visita di Tsipras a Belgrado

I primi ministri di Serbia e Grecia hanno concordato martedì l’avvio di negoziati per la ricostruzione della linea ferroviaria che collega la capitale serba Belgrado e la città di Salonicco, nella Grecia settentrionale.

Il Primo Ministro della Grecia, Alexis Tsipras, ha incontrato il suo omologo serbo Aleksandar Vucic a Belgrado nella giornata di ieri.

A conclusione del loro incontro, Vucic ha rivelato uno dei temi più importanti oggetto di discussione: il progetto congiunto di ricostruzione del tratto ferroviario, lungo 650 chilometri, che dovrebbe accelerare sia il trasporto passeggeri che quello merci da Belgrado a Salonicco.

“Attualmente, un treno merci impiega 49 ore per arrivare lì, e dovremmo essere in grado di ridurre questo tempo a 30 giorni entro il 2020. Mentre i treni passeggeri impiegano circa sei ore per raggiungere Salonicco. Ciò influenzerebbe in modo significativo la cooperazione economica tra Grecia e Serbia”, ha riferito Vucic.

Il Primo Ministro serbo ha poi aggiunto di essere d’accordo con Tsipras sull’istituzione di un Consiglio congiunto dei due paesi che, composto da membri del governo, dovrebbe riunirsi questa primavera per discutere i dettagli del progetto ferroviario, così come di altri progetti in programma.

“Siamo pienamente preparati a entrare in questo progetto, considerando la situazione favorevole nel bilancio dello Stato”, ha detto Vucic.

Anche Tsipras ha sottolineato l’importanza della ricostruzione della linea ferroviaria tra Belgrado e Salonicco, affermando che la “moderna rete ferroviaria permetterebbe ai cittadini, così come alle merci, di raggiungere Belgrado più velocemente dal porto del Pireo”.

Secondo Tsipras, la Grecia è il terzo maggior investitore in Serbia, e i due paesi devono intensificare i loro rapporti a livello di cooperazione strategica.

Egli ha rivelato che questa primavera a Salonicco, i due governi, oltre al progetto ferroviario, discuteranno anche l’avvio di un’ulteriore cooperazione in materia di energia, infrastrutture, comunicazione e tecnologia.

I due primi ministri hanno inoltre discusso le loro relazioni e la cooperazione con altri paesi, inclusi alcuni paesi al di fuori dell’Unione Europea.

“Abbiamo parlato delle nostre relazioni con partner che non sono membri dell’Unione europea e convenuto sulla necessità di mantenere buoni rapporti con la Cina, così come con la Russia e altri paesi”, ha sottolineato Vucic, mentre Tsipras ha osservato che “l’apertura del nuovo Canale di Suez e la cooperazione con la Cina potrebbero trasformare la Grecia in un importante centro, mentre la Serbia potrebbe diventare un ponte che collega l’Europa occidentale e orientale”.

Tsipras, giunto a Belgrado insieme alla delegazione greca per una visita di due giorni, è stato ufficialmente accolto da Vucic e da altri membri del governo di fronte al Palace Serbia, prima del suo incontro con Vucic, il primo tra i due capi di governo dopo sette anni.

Il programma della visita di Tsipras comprende anche incontri con il Presidente Tomislav Nikolic, con il Ministro degli Esteri Ivica Dacic nonché la partecipazione al business forum Grecia-Serbia.

Mercoledì, il secondo giorno della sua visita, Tsipras incontrerà Maja Gojkovic e deporrà una corona presso il monumento del 18° secolo che a Belgrado ricorda il rivoluzionario greco Rigas Feraios.

(Xinhuanet, 31.01.2017)

http://news.xinhuanet.com/english/2017-01/31/c_136023342.htm

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top