Grande protesta dei tassisti prevista per lunedì 30 settembre; sulle strade di Belgrado 3000 veicoli

Belgrado è minacciata da un vero e proprio blocco stradale lunedì 30 settembre; le più grandi e numerose associazioni di taxi hanno già segnalato alla polizia un giro di protesta nella capitale per quel giorno che dovrebbe coinvolgere fino a 3.000 veicoli, riferisce il quotidiano “Blic”.

Diverse associazioni di taxi, tassisti legali o illegali, hanno protestato per le strade di Belgrado negli ultimi anni, ma mai prima d’ora avevano partecipato le più grandi compagnie.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La protesta, secondo un rapporto ufficiale depositato presso la polizia, è organizzata dal Sindacato dei tassisti e dei trasporti Nezavisnost, con a capo Aleksandar Bijelić, ma tutte le principali associazioni di taxi saranno presenti. Sono attesi circa 3.000 veicoli appartenenti all’Associazione taxi della Serbia, alla Camera di commercio dei taxi serba, a Beo taksi, Žuti taksi, Čukarički taksi, Alfa-bel, Beonaxis, Beogradski taksi vozači, Beogradski poslovni taksi, Pink taksi, Lux, Gold e alcuni privati.

L’incontro è previsto per mezzogiorno in quattro località, da dove inizierà la marcia verso il centro città. I veicoli si dirigeranno in colonna verso il centro città da queste posizioni attraverso le seguenti strade:

Hala Pionir: Čarli Čaplina, Jaše Prodanovića, Takovska, Trg Nikole Pašića fino a Vlajković;

Hotel “Podgorica”: Bulevar Peka Dapćevića, Autokomanda, Bulevar oslobođenja, Trg Slavija, Nemanjina fino a Balkanska;

Blok 70, stazione dei taxi di Omladinskih brigada: Omladinskih brigada, Bulevar Mihajla Pupina, Brankov most, Prizrenska, Terazije, Trg Nikole Pašića, Ulica kneza Miloša fino a Nemanjina;

Obrenovački put all’angolo con Svetolik Lazarević Laze: Obrenovački put, Radnička, Bulevar vojvode Mišića, Mostarska petlja, Ulica kneza Miloša fino a Bulevar kralja Aleksandra.

Il raduno durerà fino alle 15:00. Secondo gli organizzatori, l’obiettivo della protesta è “sottolineare che le norme positive che regolano il settore del trasporto su strada non vengono attuate a causa della posizione passiva delle autorità statali competenti, con l’obiettivo dichiarato di cambiare questo atteggiamento”.

Aleksandar Bijelic rivela a “Blic” che il motivo della protesta è “la mancata attuazione della legge sul trasporto dei passeggeri”.

“La mancata attuazione della legge sul trasporto dei passeggeri è un motivo per protestare nonché quello che stanno facendo delle compagnie fuorilegge. Le istituzioni statali dovrebbero fare il loro lavoro e tutti coloro che lavorano al di fuori della legge dovrebbero essere banditi, o dovrebbero iniziare a lavorare secondo la legge”, conclude Aleksandar Bijelic.

https://www.blic.rs/vesti/beograd/blokada-beograda-policiji-za-ponedeljak-prijavljen-veliki-protest-taksista-na-ulicama/m8dbmn3

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Bijelic, Belgrado, Beo taxi, blocco stradale, Protesta
Macron: “Non appena le elezioni in Kosovo e Metohija saranno concluse, contribuirò alla risoluzione dei problemi nel dialogo Belgrado-Pristina”

Apre oggi a Belgrado il 17° Salone Internazionale del fumetto

Close