Gojko Božović: “Due sono le opzioni per uscire da questo regime”

“La democrazia non verrà ripristinata dai nemici della democrazia. Si rinnoverà se il regime perde il sostegno internazionale, o se un numero sufficiente di cittadini decidono di perseguire i propri interessi in Serbia, Paese in cui vivono e in cui, organizzati e liberi, vogliono vivere i loro figli. Ovviamente preferirei questa seconda opzione”, afferma Gojko Božović, scrittore e caporedattore della casa editrice “Arhipelag”, in un’intervista per “Nova.rs”.

Parlare con Gojko Božović, scrittore e caporedattore di “Arhipelag”, è sempre una sfida speciale perché è il tipo di intellettuale che ogni cultura vorrebbe. Istruito, colto, un uomo con una visione molto chiara della letteratura, della società, della politica e del mondo che lo circonda in generale.

L’annullamento della Fiera del Libro è solo il primo motivo per parlare con Gojko Božović di vari argomenti.

“La decisione di annullarla è ragionevole, ma è troppo tardi. Tutto ciò che si sa ora lo si sapeva due mesi fa. La Fiera del libro è importante e necessaria, ma in questa situazione non è possibile. Non è stata cancellata a causa degli editori, ma a causa della pandemia. Nessuno è più interessato alla Fiera del Libro. Sarà difficile rinnovare la vita sociale e culturale dopo la pandemia, ma perché ciò sia possibile dobbiamo già pensare al giorno dopo e dobbiamo essere responsabili nell’affrontare gli eventi per non lasciarci rovinare da approcci irresponsabili e irrealistici. In queste circostanze, dobbiamo rafforzare i contatti con i lettori con l’aiuto delle librerie e delle istituzioni culturali, dei circoli dei lettori e, soprattutto, dei nuovi media”.

Lyudmila Ulitskaya era nel circolo ristretto dei candidati per il Nobel. Doveva essere ospite di “Arhipelag” qualche anno fa a Belgrado, ma a causa di una malattia non è venuta. C’è qualcosa in programma riguardo per un suo eventuale nuovo arrivo?

“Mi dispiace che l’arrivo di Lyudmila Ulitskaya a Belgrado sia stato annullato all’ultimo momento alcuni anni fa. Ulicka è un maestro insuperabile della narrazione, ma anche una perfetta interlocutrice. Ama gli incontri con i lettori e nel libro “Sveto smece” scrive quanto sia colpita dal tradurre e pubblicare così tanti libri in un piccolo Paese come la Serbia. Faremo sicuramente del nostro meglio per organizzare un incontro tra Lyudmila Ulitskaya e i lettori serbi quando la situazione con la pandemia si stabilizzerà. D’altra parte, quell’incontro c’è già ed è intenso. La Ulitskaya è molto popolare in Serbia, tutti i suoi libri sono stati ben accolti. Dopo diversi romanzi, “Arhipelag” ha pubblicato un anno fa il suo libro di racconti e saggi autobiografici, “Sveto smece”, ed è appena uscito il libro di racconti “O telu duse”.

Alcuni libri sfuggono immeritatamente ai radar, si ha l’impressione che tale sia il libro su Zoran Djindjic “Portret političara u mladosti” di Dragan Lakicevic Lakas del 2018.

“Certamente il libro ha fatto peggio di quanto meritasse. Ma la maggior parte dei libri oggi rimane fuori dai radar. In primo luogo, ci sono molti libri, e poi un gran numero di libri sono in competizione. In secondo luogo, si parla poco dei libri. Hanno perso la loro influenza sociale, sono poco visibili al pubblico, di solito sono visibili solo se si riconosce in loro l’effetto dell’intrattenimento. A questi motivi di fondo si aggiunge il terzo, più strettamente legato al libro in questione. A differenza che nella cultura anglo-americana, in cui questi sono i generi più letti, le biografie e le autobiografie non sono mai state particolarmente lette nel nostro Paese. Molto è stato scritto sul libro di Lakicevic, e in occasione di esso è stata organizzata tutta una serie di eventi pubblici molto frequentati. Ma il libro non è diventato un bestseller. Zoran Djindjic non era popolare mentre era in politica e mentre era al potere. Divenne popolare dopo il suo omicidio. Ma anche questo rapporto del grande pubblico con lui è più rituale che nello spirito dell’incontro con la sua politica o con i suoi libri filosofici o giornalistici.

Sembra che noi, come nazione, abbiamo accettato che vivremo ancora per molti anni senza la democrazia che abbiamo conquistato a fatica il 5 ottobre. Qual è la vostra impressione?

“La democrazia ha i suoi alti e bassi. In nessuno dei casi siamo innocenti. La democrazia si crea con grande difficoltà e viene distrutta facilmente e istantaneamente, spesso con l’uso di istituzioni e procedure democratiche. Nulla era a favore della democrazia serba emersa dopo il 5 ottobre. Né la nostra esperienza democratica, né la cultura politica prevalente, né la difficile eredità del regime di Milosevic, né l’arretratezza economica, né le circostanze internazionali. La democrazia non è venuta meno perché aveva nemici numerosi e potenti, ma perché non aveva abbastanza amici. Ma non credo che come nazione abbiamo accettato di vivere senza democrazia. Nessuno ce lo ha chiesto. Negli ultimi dieci anni, l’ordine autoritario in Serbia si è rinnovato e, allo stesso tempo, c’è uno sforzo continuo per modellare un sistema a partito unico. La democrazia non sarà ripristinata dai nemici della democrazia. Sarà rinnovata o dal regime che perde il sostegno internazionale, o da un numero sufficiente di cittadini che decidono di perseguire i propri interessi in Serbia come nel Paese in cui vivono e in cui, organizzati e liberi, i loro figli vogliono vivere. Ovviamente preferirei questa seconda opzione”.

Una volta ha detto che la cultura è stata importante nel XX secolo e che ora la cultura di massa è in scena nel XXI secolo. Questo significa che la cultura è diventata underground, che dobbiamo accettare così la realtà in cui viviamo?

“In tutta l’età moderna, la cultura è cruciale. Forma società e individui, crea costumi e modelli accettabili, ed è seguita da rivoluzionari e conservatori, democrazie e dittature. La cultura è percepita come base formativa e misura della società libera e non libera. Le società totalitarie del nazismo e del comunismo controllavano la cultura, e ne riconoscevano il valore. La controllavano perché avevano paura di lei e credevano nella sua forza. Nella seconda metà del XX secolo anche la cultura pop è apparsa in scena in un ruolo importante. Ci sono incomprensione, gelosia e contrasti tra essa e l’alta cultura, ma nel loro rapporto, a volte contraddittorio, a volte pervasivo, sono sorti alcuni dei momenti più emozionanti della cultura degli ultimi tempi. Ma proprio alla fine del XX secolo è emersa una cultura di massa che è un nemico sia della cultura alta che della cultura pop. È la cultura del consumo e non la cultura della creatività. È la cultura della popolarità e non la cultura del creare. È la cultura di fama e spin, pop e tabloid, non la cultura di nuovi lavori e idee importanti. Quindi, la cultura non ha più un ruolo centrale nella società moderna, è spinta ai margini, per lo più nella privacy delle persone interessate alla cultura. Non è uno stato naturale e lascia conseguenze devastanti per intere società. L’ascesa della cultura di massa e l’emarginazione dell’alta cultura è una delle cause dell’emergere del populismo come processo politico globale che distrugge la democrazia e le istituzioni, la scena pubblica e il pensiero critico.

Quali libri scegliereste della vostra nuova offerta questo autunno?

“Sono stati appena pubblicati il nuovo libro di racconti di Lyudmila Ulitskaya “O telu duse” e il libro di saggi di Charles Simić “Anđeli na žici za veš”. Stiamo pubblicando i nuovi romanzi di Nina Savčić, Ratko Dangubić, Laslo Blašković, Sasa Obradović, Nikola Moravčević, Jani Virk, Andrija Ljubka, Vadim Leventalj o Robert Menasse. Presto pubblicheremo un’antologia di storie rumene contemporanee. Sono lieto che pubblicheremo diversi libri di poesie, tra le altre cose, poesie selezionate di Slobodan Zubanović. Sono inoltre in preparazione i libri drammatici di Marija Karaklajić e Katarina Vešović. Oltre al libro di Sebastian Conrad “What is Global History”, pubblicheremo anche due libri di capitale importanza nel campo della storiografia. Uno è l’eccezionale biografia di Stalin dalla penna di Oleg Chlevnyuk “Biografia di un dittatore”. Il secondo è “Storia dell’Adriatico” dello storico italiano Egidio Ivetic. Sono particolarmente soddisfatto del libro, che sarà una grande sorpresa per i lettori, “Iz prepiske” di Danilo Kiš, a cura di Mirjana Miočinović. Ci sono molte lettere ritrovate di Kiš e lettere a Kiš di varie persone, da Milovan Đilas a Miroslav Krleža, da Davič a Pekić, da Dovlatov a Kundera, da Okudžava a Susan Sontag, da Karlo Stajner a Ljubo Popović. Questo libro sarà un intero evento culturale e letterario, e la corrispondenza è allo stesso tempo la migliore biografia di Kiš”.

Photo credits: “Vesna Lalić/Nova.rs”

INTERVJU Gojko Božović: Dve su opcije za odlazak ovog režima

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top