Gligoric: “Quest’anno ci sono 20 000 migranti illegali”

“Nel corso di quest’anno sono stati registrati 20.000 migranti clandestini, molte volte in più rispetto ai primi sei mesi dell’anno scorso, quando ce ne sono stati circa 3.000”, ha detto il vice capo della polizia di frontiera, Dragan Gligoric.

Dall’inizio di quest’anno, circa 32.000 persone hanno espresso l’intenzione di chiedere asilo in Serbia, di cui 11.200 hanno cercato asilo solo negli ultimi 25 giorni, ha detto Gligoric durante una trasmissione televisiva sulla televisione Pink. Gligoric ha sottolineato che c’è una “rotta balcanica” che parte dai paesi del Medio Oriente e passa attraverso la Turchia, la Grecia, la Macedonia e la Serbia fino all’ Ungheria, dicendo inoltre che questo percorso è attualmente il più attivo, perché è la via più breve per raggiungere i paesi Schengen.

“Negli ultimi dieci giorni al confine tra Macedonia e Serbia appaiono circa 1.000 persone in media”, ha detto Gligoric. In occasione dell’annuncio dell’ Ungheria di pochi giorni fa, in merito all’innalzamento  del muro di quattro metri di lunghezza lungo il confine con la Serbia, Gligoric ha detto che con questo paese si ha una forte collaborazione a livello bilaterale, nonché a livello transfrontaliero con la polizia. Gligoric ha ricordato che alcuni anni fa fra Turchia e  Bulgaria è stato costruito un muro, e che in questa parte, a una distanza di circa 38 km, non sono stati raggiunti risultati significativi.

Il direttore del Centro per l’assistenza ai richiedenti asilo, Rados Djurovic, durante la stessa trasmissione televisiva, ha detto che l’innalzamenro del muro sarebbe un messaggio cattivo, destinato principalmente al piano politico interno, perché il partito di estrema destra ungherese ottiene sempre più voti. Parlando dei migranti i quali rimangono in Serbia, Djurovic ha detto che l’anno scorso 16.500 hanno cercato asilo, che al momento il numero va oltre le 32.000 unità, mentre si prevede che entro la fine dell’anno, ci saranno circa 50.000 persone che esprimeranno l’intenzione di richiedere asilo. “Sempre più persone stanno arrivando e sempre più di loro visitano il nostro paese”, ha detto Djurovic, aggiungendo che anche un semplice annuncio di alzare il muro già rappresenta un problema, perché le persone si stanno intensamente muovendo. Djurovic ha sottolineato la situazione cattiva che c’è in Grecia e in Macedonia, e che “attualmente non possiamo offrire  il soggiorno che a 800 persone”,cioè è necessario aumentare queste capacità . “La gente la quale arriva alla Serbia, proviene principalmente dalla Siria e dall’Iraq”, ha detto Djurovic.

(Tanjug, Press, 25.06.2015)

http://www.pressonline.rs/info/hronika/358232/gligoric-ove-godine-20000-ilegalnih-prelazaka.html

Share this post

scroll to top
More in emigrazione
“Il “muro” al confine con l’Ungheria sarebbe una grande catastrofe”

Reazioni alla decisione ungherese di costruire un muro con la Serbia

Close