Gli inviati dell’UE e degli USA incontreranno con urgenza i funzionari serbi

L’inviato speciale degli Stati Uniti per i Balcani occidentali, Gabriel Escobar, e il rappresentante speciale dell’UE per il dialogo Belgrado-Priština, Miroslav Lajčak, incontreranno a Belgrado i funzionari serbi in un momento di crescente tensione nel nord del Kosovo.

La situazione in Kosovo si è nuovamente aggravata dopo che i serbi del nord hanno eretto barricate per protestare contro l’arresto dell’ex ufficiale di polizia Dejan Pantić, accusato dalle autorità kosovare di aver attaccato la polizia e i membri della commissione elettorale locale.

Come annunciato, Lajčak incontrerà il Presidente Aleksandar Vučić e poi Escobar si unirà a loro nell’incontro trilaterale.

Non sono previsti comunicati stampa dopo questi incontri.

Nel pomeriggio, il diplomatico americano dovrebbe incontrare anche il Primo Ministro Ana Brnabić e il Ministro degli Esteri Ivica Dačić.

Gabriel Escobar ha trascorso gli ultimi giorni in Kosovo, dove ha incontrato il presidente e il primo ministro kosovari.

Dopo l’incontro con il primo ministro Albin Kurti, il diplomatico americano ha ribadito che si aspetta che Priština inizi a formare la Comunità dei Comuni serbi, come concordato nell’accordo di Bruxelles e su cui Belgrado insiste ufficialmente.

Ha inoltre affermato di essere contrario al ritorno delle forze di sicurezza serbe in Kosovo, possibilità menzionata dal Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, che giovedì avrebbe chiesto alla missione KFOR l’approvazione per l’invio delle forze di sicurezza serbe in Kosovo, ma che si aspettava una risposta negativa.

Escobar ha aggiunto che il Kosovo ha “garanzie di sicurezza molto solide da parte degli Stati Uniti”.

(Voice of America, 14.12.2022)

https://www.glasamerike.net/a/kosovo-lajcak-eskobar/6875693.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top