Gli investitori serbi chiedono un maggiore sostegno da parte dello Stato

“La Serbia ha grandi risorse naturali, quindi l’agricoltura e l’economia locale possono svilupparsi meglio con il sostegno e l’organizzazione dello Stato”, sostiene l’associazione “Zaštitnik preduzetnika i privrednika Srbije”, a difesa degli imprenditori e degli uomini d’affari del Paese.

A causa della guerra in Ucraina, molte visite già prenotate di russi nei Balcani, compresa la Serbia, sono stati annullati; smettere di sovvenzionare le società straniere, ridurre il carico fiscale sui bassi salari, fermare le discriminazioni contro le madri degli imprenditori e rivedere diverse leggi sulle imprese di medie dimensioni. Queste, in sintesi, le richieste dell’associazione “Zaštitnik preduzetnika i privrednika Srbije”, mandate come messaggio al nuovo governo ieri in una protesta davanti al palazzo del governo serbo.

La prima richiesta è quella di fermare la pratica del finanziamento a investitori stranieri e di reindirizzare quei soldi all’economia nazionale e all’agricoltura, ha annunciato Milena Amon, rappresentante dell’associazione. “Il valore aggiuntivo risiede nello sviluppo dell’economia locale. Abbiamo grandi risorse naturali, quindi l’agricoltura e la trasformazione possono essere sviluppate meglio con il sostegno e l’organizzazione dello Stato. Tuttavia, non abbiamo nulla contro gli investimenti esteri, ma crediamo che l’investitore sia colui che investe principalmente il proprio denaro, e non il denaro dei cittadini serbi. Inoltre, eventuali sussidi per investimenti esteri dovrebbero essere riservati esclusivamente a tecnologie innovative, e non, diciamo, alle fabbriche che spesso inquinano l’ambiente”.

Una delle richieste è la riduzione delle tasse e dei contributi sui piccoli stipendi. L’associazione ritiene che tali stipendi non dovrebbero essere tassati al 10%. “Al momento, 19.300 dinari non sono tassabili e pensiamo che gli stipendi non dovrebbero essere tassati fino al livello del paniere del consumatore medio. Ciò aumenterebbe lo standard per coloro che percepiscono salari bassi. Ad esempio il Montenegro, con una mossa del genere, ha alzato il minimo da 250 a 450 euro”, sottolinea Milena Amon.

Dragan Subotic, titolare di un’agenzia di viaggi di Belgrado, è d’accordo e da quando è iniziata la crisi dice che dei precedenti 4 dipendenti non ne è rimasto neanche uno. “Le piccole imprese sono nei guai, motivo per cui è necessario allentare o abolire i prelievi parafiscali, ridurre le tasse sui salari minimi, perché abbiamo il tasso di onere più alto in Europa, mentre la maggior parte dei Paesi dell’UE non ha tasse su di esso. Ci aspettiamo anche un sostegno concreto al turismo, che manca ovunque, tranne che nel settore alberghiero, che ha ricevuto quell’aiuto due volte”, afferma Subotic, sottolineando che non solo il coronavirus ha distrutto i suoi affari, ma anche la guerra in Ucraina.

“Lavoro per sopravvivere, avevo 4 dipendenti che ho dovuto licenziare. Avevamo spese enormi e nessuna entrata. Ora, a causa della guerra in Ucraina, tutti gli accordi per le visite dei russi nei Balcani e in Serbia sono stati annullati. I biglietti aerei sono diventati tre volte più costosi, non ci sono voli di altre compagnie dalla Russia verso di noi. A causa di questo ho una perdita di circa 220.000 euro, poiché quello era l’afflusso di fondi previsto per le visite turistiche dei russi durante i mesi estivi”, conclude Subotic.

https://www.politika.rs/sr/clanak/503522/Domaci-investitori-traze-vecu-podrsku-drzave

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top