Gli imprenditori turchi soddisfatti delle condizioni di business in Serbia – Al momento impiegano 7.000 lavoratori nelle loro fabbriche

Gli investitori turchi attualmente impiegano 7.000 lavoratori nelle loro fabbriche in Serbia, ma questo numero presto sarà molto più alto.
Tra pochi mesi, saranno assunte altre 4.000 – 5.000 mila persone in cinque nuove fabbriche, le quali saranno aperte a Leskovac, Vladicin Han, Cuprija, Merosina e a Kraljevo.

Il vicepresidente dell’Associazione degli imprenditori turchi-serbi, Fevzi Siljik, afferma che i turchi sono interessati a continuare con gli investimenti, perché la Serbia offre a loro le migliori condizioni di business nella regione.

Tra i primi in Serbia, nel 2010 era arrivata la fabbrica turca Dzinsi, che ha gradualmente ampliato le sue capacità e attualmente conta 1.000 dipendenti e prevede di assumere presto altri 500 lavoratori. L’industria tessile ha per prima aperto le porte ad altri investitori turchi e all’industria automobilistica, così a Vladicin Han l’azienda Teklas  aprirà presto la sua terza fabbrica.

“Ai nostri lavoratori, l’anno scorso, hanno pagato la 13° e hanno promesso di pagare anche la 14° quest’anno, il che è più del previsto. Il salario medio è superiore a 35.0000 dinari e attualmente impiegano 1.000 lavoratori”, ha affermato il presidente della municipalità di Vladinicin Han, Goran Mladenovic.

Fevzi Siljik, proprietario dell’Hotel Bosfor nei pressi di Aleksinac e da poco proprietario dello stabilimento “Nisauto” a Nis, ha dichiarato che in Serbia ci sono circa 3.000 imprenditori turchi.

“Possiamo aspettarci più investimenti turchi, perché gli imprenditori sono interessati alle condizioni lavorative in Serbia. Sulla base della mia esperienza e dell’esperienza dei miei compaarioti, posso dire che la Serbia è il miglior paese di investimento nella regione”, ha concluso Shilik.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top