Gli economisti non sanno per cosa vengano spese ingenti somme di denaro dal budget

“Del budget nazionale previsto per il 2022, gran parte va alla difesa, mentre per altre quantità ingenti di soldi nessuno sa come verranno spesi”, avvertono i giornalisti economici Milan Ćulibrk e Mijat Lakićević. Il direttore del settimanale “NIN”, Milan Ćulibrk, dichiara che gran parte del bilancio della Serbia va alle necessità dell’esercito, e sottolinea che il motivo di ciò “non lo sapremo mai”.

“Nel budget militare non vediamo dove precisamente andranno i soldi. Un ulteriore problema è che lo Stato ha pianificato di investire 4 miliardi di euro l’anno prossimo. Di questi, 500 milioni di euro saranno spese previste per l’esercito serbo. E ora ci chiediamo dove andranno a finire quei soldi. Un ulteriore problema è che una parte enorme delle riserve di bilancio viene successivamente trasferita nel bilancio militare con decisioni del governo, senza il parere del parlamento serbo, senza un organo legislativo, e viene usata per attrezzature ed armi e nessuno in questo Paese, nemmeno il Comitato per la Sicurezza, considera queste cose”.

La cosa dovrebbe essere molto più trasparente, ha sottolineato Ćulibrk per “N1”, menzionando anche il problema della non trasparenza nell’assegnazione dei sussidi poiché non si sa chi decide. “Tutto dipende dalle decisioni discrezionali del governo”, ha detto il direttore del settimanale “NIN”.

Il giornalista Mijat Lakićević aggiunge che il grosso problema è che non si sa come vengano spesi i soldi del bilancio, e ricorda che “si tratta di una quantità enorme di denaro. Soprattutto quando si tratta di opere infrastrutturali i soldi vengono spesi, solo per tornare ai partiti al governo. Questi lavori infrastrutturali sono una forma di corruzione, e in questo modo l’economia è corrotta e l’intera società è corrotta. È un meccanismo usato da questo governo che mantiene il suo potere da diversi anni”, ha affermato Lakićević per “N1”.

Assegnare soldi ai pensionati prima delle elezioni, Ćulibrk afferma che è “un buon modo per lubrificare la macchina del voto. D’altra parte, la domanda è: per quanto tempo il nostro governo deciderà a sua discrezione quanto concederà e a chi darà”.

“Questo Paese è come Superciuk, prende ai poveri e dà ai ricchi. Recentemente è stata pubblicata una ricerca dell’UNICEF sulla povertà. I poveri sono di più e l’aiuto che hanno ricevuto è stato inferiore a quello che i ricchi hanno ricevuto. Questa è una politica disastrosa dello Stato. Se vuoi dare soldi a qualcuno, dalli ai poveri, non a tutti. Perché allora i più poveri ne saranno privati. I poveri sono stati danneggiati di più”, ha concluso Lakićević.

Ekonomski novinari o budžetu: OGROMNE pare, a NE ZNAMO kako se troše

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top