Gli aumenti salariali possono stimolare la crescita economica?

L’aumento dei salari del settore pubblico dall’8 al 15% da novembre (circa il 9,5% sarà l’aumento medio) è una mossa economicamente responsabile del governo, vale a dire porterà conseguenze positive o negative?

Il Fondo monetario internazionale, ma soprattutto il Consiglio fiscale, ha criticato un tale aumento dei salari perché rappresenta quasi il doppio della crescita nominale del prodotto interno lordo (stimato intorno al 5,5% quest’anno). Il problema non è solo la crescita dei salari nel 2020, ma il fatto che nell’anno precedente la stessa crescita nel settore pubblico è stata significativamente superiore all’aumento del PIL.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Le conseguenze potrebbero essere un’interruzione dell’equilibrio macroeconomico, ad esempio se si verificasse uno shock esterno, simile a quello che è accaduto nel 2008 quando le pensioni sono aumentate in modo irrazionale ed eccessivo e c’è stata una forte recessione l’anno successivo. Miladin Kovacevic, direttore dell’Istituto statale di statistica, ha dichiarato che gli aumenti salariali sono una misura economica responsabile, anche se i salari aumentano più rapidamente del PIL, perché la decisione si attua di fronte a un calo del debito pubblico.

“Quindi la crescita dei salari del settore pubblico sostiene la crescita del PIL e ha un effetto dimostrativo sui salari del settore privato. Possiamo aspettarci in un mese o due l’aumento anche dei salari nel settore privato. Ciò contribuirà ad aumentare il PIL e ad aumentare le entrate del bilancio. I salari non possono solo essere visti come una discrepanza con la crescita del PIL”, ha detto Kovacevic, aggiungendo che l’opportunità era ora e che l’aumento dei salari impedirà la fuga del personale dal servizio pubblico.

Altri economisti non sono d’accordo con l’affermazione di Kovacevic. Milojko Arsic, professore alla Facoltà di Economia, afferma che la ricerca empirica non conferma tali effetti.

“Nei Paesi dell’Europa centrale e orientale negli ultimi 20 anni, la crescita dei salari nel settore pubblico ha influenzato l’aumento dei disavanzi del commercio estero, ma ha avuto scarso effetto sull’inflazione e sul PIL. I salari del settore privato sono più influenzati dalla situazione del mercato del lavoro, vale a dire dalla fuga delle persone all’estero. Abbiamo una situazione simile a qui nei Paesi della regione CEE, dove i salari totali stanno crescendo più velocemente del PIL. Tuttavia, all’inizio di tale tendenza, questi Paesi avevano avanzi o equilibri del commercio estero mentre noi abbiamo un deficit. Ad esempio, l’Ungheria è passata dall’eccedenza all’equilibrio, mentre noi negli ultimi tre anni abbiamo aumentato il deficit”, spiega Arsic.

Non tutti gli aumenti salariali nel settore privato sono positivi per l’economia. Secondo Arsic, se sotto non c’è una crescita della produttività, non esiste una crescita salariale sostenibile.

“Quest’anno gli stipendi nel settore privato stanno crescendo più rapidamente rispetto al pubblico. Avremo una crescita del PIL del 3% e i salari saliranno a livello annuale del 7, 8%. Ciò significa che la competitività internazionale della nostra economia sarà ridotta. I salari del settore privato sono l’indicatore più importante della competitività internazionale. Tale politica porterà solo all’ampliamento del deficit esterno”, avverte Arsic, aggiungendo che è facile aumentare il PIL aumentando i salari nel settore pubblico, chiunque lo farebbe.

“In effetti, l’attività economica sta crescendo sulla base degli investimenti, non dei consumi. Gli investimenti sono uno spreco di spesa oggi per spendere di più in futuro. Ecco perché molti hanno difficoltà a decidere sugli investimenti”, osserva Arsic.

L’economista Dragovan Milicevic ritiene che l’aumento dei salari nel settore pubblico non influisca sull’aumento dei salari nel settore privato a causa del salario minimo e della disoccupazione.

“Gli stipendi nel settore pubblico sono una cosa e gli stipendi nel privato sono un’altra. Un datore di lavoro può pagare quello che vuole se c’è un surplus di offerta di lavoro, e la disoccupazione è ancora alta nel nostro Paese. La nostra crescita è principalmente influenzata dalla crescita dei consumi e dalle esportazioni. E il nostro consumo non è aumentato da anni. Resta da chiedersi da dove si stia alimentando la crescita dei salari. Forse nel rimborso dei debiti per i prestiti, servizi pubblici, pagamenti degli interessi…”, ha detto Milicevic, aggiungendo che dal 2012 al 2017 gli stipendi sono stati ridotti del 36% in termini reali.

Lo stesso sottolinea inoltre che calcolare salari e debito pubblico in euro non significa molto, perché “con il tasso del cambio si può visualizzare tutto”.

https://www.danas.rs/ekonomija/moze-li-se-povecanjem-plata-povecati-privredni-rast/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in consiglio fiscale, crescita economica, FMI
FMI
L’Assemblea del FMI: la Serbia è impegnata ad attuare le riforme

E’ l’edilizia il motore della crescita economica in Serbia

Close