Gli albanesi della Serbia meridionale vogliono che Thaci li rappresenti a Bruxelles

Gli albanesi di Presevo, Bujanovac e Medvedja nella Serbia meridionale chiederanno ai leader del Kosovo, Hashim Thaci e Ramush Haradinaj, di rappresentare loro e i loro interessi a Bruxelles.

Inoltre, la minoranza albanese in Serbia chiederà gli stessi diritti che la Serbia sta chiedendo per la minoranza serba in Kosovo e Metohija. Anche gli albanesi del sud della Serbia hanno dichiarato che avrebbero presentato le loro richieste in una dichiarazione che sarà scritta in una sessione congiunta dei tre comuni.

“Poiché la Serbia sta negoziando a nome del nord del Kosovo, vogliamo autorizzare la leadership del Kosovo a negoziare in nome dei nostri interessi. Non siamo soddisfatti dei nostri diritti in quanto minoranza. Ho cercato di fare le cose in modo diverso, di far parte della maggioranza al potere in Serbia e di fare qualcosa, ma non potevo. Non è positivo che i disaccordi tra Belgrado e Pristina si riflettano su di noi “, ha detto per il giornale Blic il deputato Fatmir Hasani, uno degli iniziatori di queste dichiarazioni.

Le loro richieste non si fermano qui. Confrontando la minoranza albanese in Serbia con la minoranza serba nel Nord del Kosovo, Hasani chiede praticamente che i rappresentanti della minoranza albanese ottengano alte cariche nel governo serbo.

Secondo lui, i serbi in Kosovo hanno tre ministeri, hanno vice primi ministri, cinque vice ministri, mentre gli albanesi in Serbia non ne hanno.

Anche gli albanesi in Serbia non sono molto contenti del lavoro svolto dall’Organo nazionale per Presevo, Bujanovac e Medvedja, che rappresenta la minoranza nazionale albanese in Serbia. Hasani sottolinea che i comuni del sud ricevono fondi da questo organo, ma non è gestito da un albanese (il che è una delle loro richieste).

Questa iniziativa, ovvero che i leader del Kosovo rappresentino gli albanesi in Serbia nell’ambito del dialogo Belgrado-Pristina, non è una novità – afferma Zoran Stankovic, presidente dell’Organismo di coordinamento per Presevo, Bujanovac e Medvedja. Un simile tentativo è avvenuto nel 2006, poi nel 2013, e questo sarà il loro terzo tentativo.

“La comunità internazionale ha già chiarito loro in diverse occasioni di non essere oggetto dei colloqui a Bruxelles. Sembra in qualche modo incoerente che Hasani, membro del Parlamento serbo, e che ha tutti i diritti per presentare iniziative e proposte legali, lo stia facendo fare a qualcun’altro”, afferma Stankovic.

I colloqui tra Pristina e Belgrado, sotto gli auspici dell’UE, si concentrano su altre questioni mentre quelle relative alle minoranze albanesi e di tutte le altre minoranze nazionali sono risolte attraverso la Costituzione della Serbia, le leggi e le convenzioni sulle minoranze nazionali.

“Per quanto ci riguarda, la situazione è stabile, abbiamo attività regolari e contatti con le autorità di tutti e tre i comuni che operano secondo le leggi della Serbia, quindi non ci sono problemi. La cosa più importante è ottenere una vita migliore per i cittadini, e questo è ciò su cui stiamo lavorando “, afferma Stankovic.

(https://www.blic.rs/vesti/politika/komesanje-na-jugu-srbije-albanci-traze-da-ih-u-briselu-zastupa-taci-i-to-je-samo/2qwyxwv9

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Albania, Bruxelles, Fatmir hasani, Hashim Thaci, ue
Florian Bieber: il processo di Berlino dovrebbe essere abolito

Adottate conclusioni sulla Serbia – si richiede di accelerare le riforme dello Stato di diritto

Close