Gli agricoltori bloccano ancora le strade di Novi Sad – insoddisfatti dell’offerta del governo

Milan Markovic, dell’Associazione degli agricoltori di Stig, ha dichiarato all’agenzia di stampa Beta che gli agricoltori non sono soddisfatti dell’esito dei colloqui con il primo ministro serbo uscente Ana Brnabic e decideranno giovedì sera se continuare le loro proteste.

“Solo una delle nostre richieste è stata soddisfatta, ovvero l’abolizione del divieto di esportazione dei prodotti agricoli, e il governo dovrebbe approvare oggi un decreto in merito”, ha dichiarato Markovic.

Il prezzo di acquisto del girasole offerto dal Governo è di 535 euro per tonnellata, ha aggiunto Markovic, “e questo è inaccettabile perché abbiamo chiesto un prezzo di 700 euro per tonnellata”.

Gli agricoltori hanno anche chiesto l’esenzione dai dazi su un massimo di 100 litri di carburante per ettaro di terreno, ma il governo ha offerto un prezzo inferiore di 20 dinari per un massimo di 60 ettari. Tuttavia, il governo ha accettato di revocare il divieto di esportazione dell’olio da cucina.

Il governo ha anche promesso che gli agricoltori che hanno partecipato ai blocchi stradali con i loro trattori non saranno ritenuti responsabili ai sensi della legge. Tuttavia, giovedì gli agricoltori hanno riferito che la polizia ha preso i numeri di targa dei loro trattori.

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato che gli agricoltori hanno ragione su alcune cose, ma che lo Stato non dispone di quantità infinite di denaro per soddisfare le loro richieste e sta facendo del suo meglio per raggiungere una soluzione reciprocamente accettabile.

Gli agricoltori di Novi Sad stanno ancora bloccando il centro della città.

(BBC Serbia, N1, 11.08.2022)

https://naslovi.net/2022-08-11/bbc-news/srbija-poljoprivreda-i-protesti-traktori-i-dalje-blokiraju-novi-sad-poljoprivrednici-nezadovoljni-ponudom-vlade/31265455

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top