Genitori raggirati prima delle elezioni?

La notizia che l’amministrazione fiscale ha incrementato la cifra minima per richiedere il rimborso dell’IVA sulle spese sostenute per prodotti e cibo per bambini sembra più una trovata di marketing elettorale e non sembra realistica. 

L’incremento (2.250 dinari) non è piccolo ma non ne verrà niente. L’ultima scadenza per richiedere il rimborso era il 15 febbraio mentre la legge sugli aiuti alle famiglie con figli ha deciso che il rimborso IVA verrà soppresso dal primo luglio.

Ieri l’amministrazione fiscale ha comunicato ai media che, in accordo con gli emendamenti alla legge sull’imposta sul valore aggiunto, I genitori avranno la possibilità di richiedere un rimborso IVA fino a 77.279 dinari per I prodotti e il cibo per acquistati per bambini sotto i due anni di età.

Precedentemente l’importo massimo per il rimborso era pari a 75,029 dinars. Inoltre l’amministrazione fiscale ha informato I genitori di aver esteso I criteri di selezione per cui possono richiedere il rimborso i nuclei familiari il cui reddito annuale non supera i 1.059.839 dinari con un patrimonio non superiore a 25.833.585 dinari.

Il quotidiano Danas ha contattato il dipartimento PR dell’amministrazione fiscale per richiedere dei chiarimenti che non sono stati dati. Dato che la scadenza per richiedere il rimborso è superata, è chiaro che l’incremento non avrà alcun effetto pratico e sembra che l’unico obiettivo sia di ordine propagandistico in occasione delle elezioni comunali a Belgrado che si terranno tra cinque giorni. Dal 2013 lo Stato serbo ha rimborsato l’IVA spesa su prodotti e cibo per bambini due volte l’anno, a febbraio e a luglio.

“Abbiamo contattato l’amministrazione fiscale varie Volte e ci hanno detto che dopo febbraio non verrà erogato nessun altro rimborso. Abbiamo loro chiesto di spiegarci cosa succede, perché da come è stata posta la notizia sembrerebbe che vi saranno altri rimborsi dopo febbraio. Abbiamo insistito affinché ci venisse dato un chiarimento definitivo, che non è ancora arrivato, ha dichiarato Jasmina Mihnjak, redattrice del portale Bebac.com.

(Danas, 28.02.2018)

https://www.danas.rs/ekonomija/prevara-roditelja-pred-izbore/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top