Gay pride forse il 28 settembre

Gli organizzatori hanno annunciato la marcia per il 28 settembre alle ore 12, nonostante non abbiano ancora ricevuto tutti i permessi necessari per lo svolgimento. Il Ministro degli interni Stefanovic ha dichiarato che la polizia lavora a pieno ritmo per valutare se la sfilata si potrà tenere in tutta sicurezza.

Il percorso sarà dalla sede del Governo alla piazza del Parlamento: Boban Stojanovic, membro del comitato organizzatore, ha affermato che la scelta è stata fatta per ricordare a cittadini e istituzioni che l’anno scorso, dopo la decisione di vietare la manifestazione, è stata organizzata una marcia notturna in cui non è stato registrato alcun incidente. Ciò dimostrerebbe che la scelta di tenere o meno la manifestazione sarebbe riconducibile esclusivamente a motivi di carattere politico e non alla sicurezza.

Gli organizzatori affermano di aver presentato agli organi competenti tutte le richieste necessarie in tempo, ma di non aver ancora ricevuto i permessi. Quest’anno, per la prima volta, il Gay pride ha ottenuto, attraverso un concorso pubblico, un aiuto finanziario di 300.000 dinari per la realizzazione del programma della Settimana dell’orgoglio.

Per quanto riguarda la sicurezza, gli organizzatori ritengono di poter garantire un tranquillo svolgimento della manifestazione, grazie al grande numero di volontari che sarà presente. Hanno inoltre sottolineato che le minacce sono sì ricorrenti, ma anche che esse vanno avanti da tempo: attualmente vi sono circa cinquanta  procedimenti in corso di fronte all’autorità giudiziaria per minacce e incitamento all’odio. Il Ministro Stefanovic ha detto che la polizia sta valutando i rischi della manifestazione e che i risultati saranno noti tra pochi giorni. Stefanovic ha anche aggiunto che la polizia si sta preparando per l’evento e che verranno dispiegate tutte le forze necessarie.

(RTS, 10.09.2014)

Share this post

scroll to top
More in diritti umani
Adesione all’Unione: i punti critici del prossimo rapporto della Commissione

Avviato un programma di lotta alla discriminazione

Close