Gas: Serbia sotto accusa per accordi con la Russia

A causa dei suoi accordi con la Russia, il governo serbo potrebbe aver violato le leggi europee relative alla concorrenza nell’ambito del mercato del gas.

La Segreteria per la Comunità europea dell’Energia ha inviato una lettera aperta al Governo per sottolineare il mancato rispetto da parte della Serbia dei trattati relativi al settore energetico, nello specifico riferendosi all’approvvigionamento di gas dalla Russia. Secondo la comunità la maggiore preoccupazione sarebbe rappresentata dalla distorsione operata nel mercato a seguito dell’accordo, siglato nel 2012, tra la società energetica russa Gazprom e la sua omologa serba.

“Con l’invio della lettera aperta, la Segreteria ha avviato una procedura preliminare, il cui scopo è quello di dare alla Serbia la possibilità di reagire alla presunta non conformità con il diritto comunitario nell’arco di due mesi e per consentire alla segreteria di chiarire lo sfondo del caso”.

L’accordo siglato tra Serbia e Gazprom definisce le linee generali della fornitura di gas fino al 2021. Gazprom ha reso noto che l’anno scorso le sue consegne in Serbia sono cresciute di quasi il 25%.

La Serbia è designato come uno dei paesi di accoglienza per il gasdotto South Stream di Gazprom e alla fine del 2015 è stato annunciato che i lavori preparatori per il progetto stanno procedendo come previsto, ma “tutte le altre questioni” relative al gasdotto devono essere risolte dalla Russia e da Bruxelles.

I membri del Parlamento europeo hanno approvato una risoluzione che invita gli Stati membri ad annullare gli accordi del settore energetico previsti con la Russia, tra cui quelli relativi al gasdotto South Stream. Il progetto è stato poi ridimensionato.

La Russia soddisfa circa un quarto del fabbisogno di gas naturale dell’economia europea. La maggior parte della fornitura di gas passa attraverso la rete di transito di epoca sovietica in Ucraina, dove persistenti problemi del debito e l’attuale conflitto in corso mettono a rischio le rotte energetiche tradizionali.

(Upi, 12.01.2017)

http://www.upi.com/Business_News/Energy-Industry/2017/01/12/Serbia-under-fire-for-Russian-gas-deals/7421484219850/?spt=sec&or=bn

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Comunità europea dell'Energia, energia, gas
Rinnovabili: accordo tra NIS e Betec

Centrale a biomassa dell’italiana Building Energy presto a Krusevac

Chiudi