Il futuro primo ministro non verrà dal SNS

E’ quasi certo che il nuovo primo ministro non arriverà dalle file del Partito progressista serbo (SNS), e che il designato (o la designata) potrebbe ricoprire la carica per un anno, o meglio, fino a quando non verranno indette nuove elezioni parlamentari.

Il leader del Partito socialista serbo (SPS), Ivica Dacic, e l’attuale Ministro dell’Amministrazione pubblica, Ana Brnabic, sembrano essere i candidati più probabili alla carica di Primo Ministro. Brnabić non è membro di alcun partito politico.

Nella dichiarazione resa al quotidiano BLIC, Dacic ha dichiarato che diventare Presidente del Consiglio non rappresenta la sua priorità in questo momento.

“Non abbiamo ancora parlato di chi sarà il nuovo Primo Ministro. Inoltre, ottenere la carica non è stato il motivo che ha spinto il SPS a sostenere Vucic. Personalmente, diventare primo ministro non è la mia priorità”, aggiunge Dacic.

Tuttavia, sembra che all’interno del SNS il nome di Brnabić sia preferito per la carica, risultando accettabile anche per quei membri del partito che sperano di essere nominati PM.

I ministri del governo, interrogati su quale sia il fattore determinante la scelta, hanno risposto che tutto dipende da Vucic, il quale deciderà se optare qualcuno supportato da affiliazione politica o propendere per qualcuno che sia in grado di concentrarsi sulla promozione dell’economia o altri segmenti.

Tutto sommato, il futuro PM potrebbe essere scelto tra chiunque dei ministri del governo attuale. Alcuni politici sostengono che la posizione del primo ministro sarà più o meno solo una formalità, perché il governo ha già messo a punto il suo programma e ha già spianato la sua strada sotto l’influenza di Vucic.

(Blic, 05.04.2017)

http://www.blic.rs/vesti/politika/premijer-nece-biti-iz-sns-ko-je-u-igri-za-novog-predsednika-vlade/h64w365

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Ana Brnabic, Ivica Dacic, presidenziali 2017
Elezioni presidenziali: dal risveglio politico alla delusione dei giovani serbi

Proseguono le proteste. Vucic: “tutti hanno il diritto di esprimere la propria opinione”

Chiudi