Fule: “Momento decisivo per i rapporti Serbia-UE”

Il Commissario per l’allargamento dell’Unione, in visita a Belgrado, ha elencato le tre priorità di azione per il Governo serbo: ripresa economica e riforme, introduzione dello stato di diritto, normalizzazione dei rapporti con Pristina.

Fule ha incontrato il Presidente della Repubblica Nikolic e alcuni rappresentanti del Governo, tra cui il Premier Vucic. Ricordando che questo è un momento cruciale nelle relazioni tra la Serbia e la UE e un capitolo importante nella storia moderna della Serbia, il Commissario europeo ha sottolineato che il Paese balcanico ha compiuto notevoli progressi verso l’Unioner e che è incoraggiante vedere che il popolo nelle elezioni ha dato il proprio sostegno ai partiti che sono chiaramente per l’integrazione. Fule ha riferito di aver comunicato al Presidente Nikolic le tre priorità per i prossimi mesi: il miglioramento del contesto imprenditoriale, lo stato di diritto e la lotta contro la corruzione e la criminalità, la riforma della pubblica amministrazione, l’impegno per la normalizzazione dei rapporti con il Kosovo, la riconciliazione nella regione. Il Commissario ha detto che l’Unione sostiene pienamente il percorso di riforme che la Serbia deve attuare, assicurando che nell’immediato futuro la UE aumenterà l’assistenza tecnica e professionale a tale scopo. Nikolic, da parte sua, ha dichiarato che Fule è l’uomo che, svolgendo la propria funzione, ha cambiato l’immagine della Serbia; il Presidente ha anche aggiunto che il piano del Governo attuale è molto ambizioso e impopolare, ma anche che esso dovrebbe liberare nel giro di alcuni anni la Serbia dagli errori del passato e garantire alle generazioni future condizioni di vita migliori.

File ha incontrato separatamente anche il Primo Ministro Aleksandar Vucic, il Ministro della Giustizia Nikola Selakovic e quello degli Interni Nebojsa Stefanovic; in seguito ha visto il Ministro degli Esteri Ivica Dacic. Con quest’ultimo, Fule ha discusso delle dinamiche e degli ulteriori passi nel processo di integrazione europea della Serbia. Selakovic ha invece assicurato l’impegno del Governo nell’attuazione delle riforme e la volontà di tutti i Ministeri di lavorare per l’ingresso del Paese nella UE.

(RTS, 05.05.2014)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top