FPRI: “La Serbia una minaccia per la sicurezza euro-atlantica”

“È giunto il momento di considerare la Repubblica di Serbia apertamente per quello che è: un forte alleato russo e cinese guidato da un governo semi-autoritario che si batte in modo proattivo per un’espansione territoriale ideologicamente irredentista nei Balcani occidentali”, ha affermato Richard Kraemer, professore associato al “Foreign Policy Research Institute” (FPRI) del Programma “Eurasia” ed ex funzionario del programma per Afghanistan, Iran e Turchia presso il “National Endowment for Democracy” degli Stati Uniti.

In un documento intitolato “Serbia on the Edge”, Kraemer afferma che la Serbia odierna è una minaccia per la sicurezza regionale ed euro-atlantica. “Sotto il Partito progressivo serbo (SNS) del Presidente Aleksandar Vučić, il governo serbo sta rapidamente costruendo il suo esercito, sostenendo apertamente i provocatori nazionalisti nei Paesi vicini, rafforzando i legami di Belgrado con Mosca e consolidando i partenariati con la Repubblica popolare cinese (RPC). Come parte integrante degli sforzi per attualizzare l’ideologia della “Grande Serbia”, i vertici delle Chiese ortodosse serba e russa lavorano a stretto contatto e in accordo con i loro colleghi politici. Senza uno spostamento significativo verso ovest del suo orientamento, la Serbia continuerà il suo percorso autoritario in armonia con gli oppositori americani”, afferma l’autore del testo.

Si aggiunge che la Serbia moderna è un dilemma per gli strateghi e i responsabili politici americani ed europei. “Una Serbia veramente democratica ed euro-atlantica era cercata sia da Bruxelles che da Washington. Tuttavia, decenni dopo la violenta dissoluzione della Jugoslavia e l’intervento dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) negli anni ’90, la maggior parte dei serbi rifiuta la cooperazione con la NATO ed è indifferente all’Europa. Gli Stati Uniti e i loro alleati democratici in Europa non sono in grado di utilizzare la potenziale adesione come ‘carota’ per l’integrazione euro-atlantica. Le relazioni con la Serbia sono ulteriormente complicate dall’abbraccio caloroso di Aleksandar Vucic a Pechino e Mosca”, ha detto Kraemer.

La profondità della crescente dipendenza della Serbia da quelle forze minaccia la sicurezza degli Stati Uniti e dell’Europa su più fronti, aggiunge l’autore. “Il continuo sostegno di Vučić alle narrazioni nazionaliste e a coloro che diffondono quelle narrazioni sovversive continua a rafforzare la discordia in Bosnia ed Erzegovina, Montenegro e Macedonia del Nord. Il rafforzamento militare della Serbia è molto preoccupante; Belgrado risponde solo con spiegazioni laconiche. Paese acquirente e di transito del petrolio russo e gas di “Gazprom”, il colosso energetico statale russo, mette la Serbia in una posizione di conflitto con Bruxelles, Washington e diverse capitali dell’Europa centro-orientale. La cooperazione economica, tecnologica e sempre più militare tra Belgrado e Pechino sta accelerando mentre il Partito Comunista Cinese (PCC) continua a rafforzarsi nell’Europa sudorientale. Insomma, il crescente riavvicinamento della Serbia con le forze autoritarie e le forze antidemocratiche regionali riflette la sua visione illiberale del mondo e la narrativa vittimistica del popolo serbo”, si legge nel testo.

I politici occidentali si avvicinano costantemente alle autorità di Belgrado con la convinzione che, con incentivi adeguati, la Serbia inizierà a perseguire una politica moderata, a democratizzarsi e ad integrarsi gradualmente nelle istituzioni transatlantiche. Questa ipotesi è sbagliata. Sminuisce e forse esclude anche la necessità per il popolo serbo di affrontare il proprio passato.

“In Bosnia-Erzegovina, il membro della Presidenza Milorad Dodik e l’Assemblea della Republika Srpska (RS) a Banja Luka stanno cooperando in uno sforzo senza precedenti per separarsi dalla Bosnia-Erzegovina e sono in corso i preparativi per possibili violenze. Anche la società montenegrina è probabilmente politicamente più divisa che mai. Se ricordiamo i tentativi di rovesciare il governo democraticamente eletto a Podgorica nel 2016, c’è un potenziale di reciproca violenza politica. Nella vicina Macedonia del Nord, la vaga prospettiva europea ha indebolito i socialdemocratici filo-occidentali, rispetto alle forze politiche europee filo-russe”, afferma Kraemer.

Secondo la sua valutazione, le principali fonti di tale instabilità provengono dal Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić. Il suo governo SNS aiuta politicamente, finanziariamente e culturalmente i gruppi ultranazionalisti attivi nei Paesi vicini. Il governo SNS lavora in tandem con la Chiesa ortodossa serba (SPC), convinta oppositrice dell’integrazione europea ed euro-atlantica, della tolleranza socio-religiosa e del riconoscimento della statualità del Kosovo. Parte delle macchinazioni delle autorità serbe e della chiesa sono in “simbiosi” con il sostegno che ricevono dal Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin. Esiste un triumvirato Belgrado-Mosca-SPC che attraverso piani congiunti e speciali, per decenni, ha strategicamente incoraggiato messaggi fanatici e irredentisti attraverso uffici e attori locali anti-occidentali / filo-russi. L’influenza e la campagna di propaganda di questa alleanza è riuscita a impedire un più ampio sostegno pubblico all’integrazione europea, all’adesione alla NATO e alla democrazia liberale”, ritiene l’autore.

Il sempre più presente nazionalismo serbo deve arrendersi se vuole ottenere l’adesione all’UE è il messaggio che Bruxelles e Washington mandano, ma solo in parte. “Nonostante il sostegno finanziario a lungo termine di Ue e Usa per lo sviluppo economico della Serbia e la costruzione di istituzioni democratiche, il volto di Xi Jinping si vede sui cartelloni pubblicitari di Belgrado”. L’Europa liberal-democratica non sta realmente combattendo per conquistare i “cuori e le anime” dei serbi. La speranza che le élite di Belgrado si accontentino di briciole in cambio di continui segnali positivi da Ue e Nato sembra svanire”, conclude l’autore.

Richard Kraemer è membro del programma “Eurasia” ed ex funzionario del programma per Afghanistan, Iran e Turchia presso il “National Endowment for Democracy” degli Stati Uniti. In precedenza ha supervisionato progetti nei Paesi citati e nel Levante presso il “Center for International Private Entreprise”. In precedenza, è stato docente e associato presso l’Università Jagellonian in Polonia. Kraemer è anche un esperto associato del “Public International Law and Policy Group”, ed è stato consigliere dei governi della Georgia e del Montenegro. È particolarmente interessato al ruolo che gli aiuti democratici svolgono nel preservare la sicurezza nazionale americana. Ha conseguito una laurea in giurisprudenza presso la “William and Mary University” e un dottorato nell’American University.

Analiza Forin polisija: Srbija na ivici

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top