IPA II: firmato accordo per 39.7 mln di euro

Il governo della Serbia e la Commissione europea hanno firmato il 12 luglio l’accordo finanziario che approva la prima tranche di 38,7 milioni di euro sul totale dei fondi previsti per la Serbia di 196,6 milioni di euro dagli strumenti di assistenza pre-adesione (IPA II).

Il ministro senza portafoglio presso il Governo della Repubblica di Serbia responsabile per l’integrazione europea, Jadranka Joksimovic, ha dichiarato che altri due accordi finanziari, del valore rispettivamente di 80 milioni di euro e di 76,9 milioni di euro, dovrebbero essere firmati nel prossimo futuro.

L’accordo è stato firmato da Jadranka Joksimovic, che è anche il coordinatore nazionale IPA, e e da Catherine Wendt, direttore presso la Direzione generale per Allargamento e negoziazione e la politica di vicinato.

L’elargizione della quota dei fondi IPA II è calibrata e progettata per la realizzazione di progetti nell’ambito della riforma della legislatura e degli affari interni, nonché per i progetti che contribuiscono al processo di negoziazione e di adeguamento alle norme UE.

Tra le altre cose, il programma finanzierà il potenziamento degli strumenti per la lotta alla criminalità organizzata, al riciclaggio di denaro, e al terrorismo, al rafforzamento del controllo interno in seno al Ministero degli Interni nella lotta alla corruzione, alla creazione di un sistema di emergenza efficiente, all’esecuzione del piano d’azione per il capitolo 23 e al miglioramento dell’efficienza dell’ufficio del procuratore.

(eKapija, 12.07.2016)

Share this post

scroll to top
More in fondi IPA, Jadranka Joksimovic, riforme
Parigi 2016: note positive dal Vertice Ue-Balcani Occidentali

Brexit. Quali effetti sul processo di adesione della Serbia

Close