Fondazione Naumann: libertà politica ed economica a rischio nei Balcani occidentali

La situazione della libertà politica ed economica e dello stato di diritto in Serbia e nei paesi vicini appare critica. Altre tendenze preoccupanti includono una battuta d’arresto nella lotta alla corruzione e la mancanza di un’efficace riforma del sistema giudiziario: è quanto hanno rilevato i partecipanti del Convegno organizzato dalla Fondazione tedesca Friedrich Naumann.

La Fondazione ha anche presentato la nuova edizione del Freedom Barometer, rapporto che analizza lo stato della libertà politica ed economica e la situazione dello stato di diritto in 30 paesi in Europa e in Asia centrale. Secondo il rapporto, le libertà maggiormente a rischio sono quelle che riguardano lo scambio di beni, la fornitura di servizi, la libera circolazione e scambio di capitali.

L’analista Mihailo Gajic si dichiara d’accordo con quanto concluso, sottolineando che i paesi dei Balcani occidentali forniscono il quadro più desolante quando si considera la protezione dei diritti di proprietà, e aggiungendo che le libertà economiche stagnano in quasi tutti i paesi. Secondo Gajic, un lungo periodo come membro dell’Unione Europa consente a qualsiasi paese una migliore regolamentazione delle proprie attività.

L’analista Ivan Despotovic sostiene che recentemente nei paesi di sviluppo si è osservata una certa tendenza negativa nel consolidamento delle libertà di cui sopra, aggiungendo che i media subiscono una pesante influenza politica sia in Europa che nei Balcani: “A prescindere dalla classe dirigente, che prende le proprie decisioni in modo completamente indipendente, in questa parte d’Europa altri attori importanti esercitano una forte influenza sugli sviluppi sociali e politici, come i veterani di guerra in Croazia, i servizi segreti in Serbia e le istituzioni religiose in Bosnia-Erzegovina”, ha evidenziato Despotovic.

(Blic, 03.11.2016)

http://www.blic.rs/vesti/politika/barometar-u-srbiji-i-u-susednim-zemljama-stepen-slobode-u-opadanju/xnr9jb8

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Germania, liberta d`espressione
Trasporto low-cost: Flixbus presto in Serbia

Vucic ad Amburgo: “se fossi un tedesco investirei in Serbia”

Close