I colloqui con l’FMI iniziano oggi a Belgrado

Il Presidente del Consiglio del Governatorato della Banca di Serbia, Nebojsa Savic, ha detto oggi che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sta analizzando tutto quello che è stato fatto finora in Serbia, tra cui la parte monetaria, fiscale e strutturale e che questa sarebbe in ogni caso una verifica che darà una determinazione chiara su quello che è stato fatto finora e dove dovrebbero essere fatti maggiori sforzi in futuro.

“Ci aspettiamo che a metà anno riceveremo una valutazione complessiva. Stiamo entrando nel secondo anno di attuazione del programma, della durata di tre anni. Il primo anno si è concluso con successo, abbiamo ridotto il deficit di bilancio, e ora stiamo entrando nella parte più difficile, ci sono le riforme strutturali, la riforma delle imprese pubbliche, una razionalizzazione è necessaria in aggiunta a quello che è già stato fatto “, viene detto da Nebojs Savic per la RTS.

Egli ha aggiunto che si può dire che il FMI e la Banca mondiale hanno manifestato comprensione quando si tratta della ristrutturazione delle grandi imprese e la riforma delle imprese pubbliche.“Ciò è comprensibile, perche è politicamente la cosa più difficile da eseguire. Dal punto di vista economico già sappiamo cosa fare, la questione è quella della fattibilità politica, la volontà politica”, ha detto Savic, il quale ha ricordato che la conclusione precedente del FMI è stata che entro la metà dell’anno bisogna risolvere la questione della privatizzazione delle aziende che sono sull’apposita lista.

Savic ha detto che la Serbia deve raggiungere il risultato, non perché il FMI vuole che lo ragiungessimo, ma è qualcosa che dobbiamo fare per noi stessi.

La missione del Fondo Monetario Internazionale è arrivata a Belgrado ieri e oggi cominciano i colloqui formali con i rappresentanti del FMI e il governo in Serbia.

(Tanjug, 18.02.2016)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top