Finito lo screening per i negoziati con l’Ue

La direttrice dell’Ufficio per l’integrazione europea (SEIO), Ksenija Milenkovic, ha dichiarato in un’intervista  per la Radiotelevisione serba che il processo di screening dei capitoli negoziali è finito con un successo. La Milenkovic si aspetta che quest’anno vengano aperti i primi capitoli. La sfida più grande, secondo lei, sarà l’apertura dei capitoli del settore dell’ecologia ed agricultura.

Ksenija Milenkovic ha ricordato che ieri è finito lo screening, ovvero la revisione analitica dell’allineamento della legislazione serba con quella europea. “Ora segue la preparazione per l’apertura dei capitoli negoziali, nonchè la preparazione delle nostre posizioni negoziali per alcuni capitoli, il che è la sostanza della nostra strategia. In questo modo presenteremo la nostra posizione negoziale, nonchè i termini in cui vorremmo allineare la normativa di alcuni settori”, ha detto la Milenkovic.

La direttrice dell’Ufficio per l’integrazione europea dice che ci sarà molto lavoro nell’ambito dell’ambiente e dell’agricultura. Lei ha menzionato che sarà molto difficile allineare questi settori con gli standard europei.”In base allo screening possiamo valutare che abbiamo fatto buon lavoro nell’ambito della statistica, dei bandi pubblici, della scienza, della cultura e dell’educazione”, dice Milenkovic.

La direttrice dell’Ufficio per le integrazioni europee si aspetta che quest’anno saranno aperti i primi capitoli, aggiungendo che la Serbia ha fatto di più per quanto riguarda i capitoli 23  e 24, relativi al sistema giudiziario e ai diritti umani.

Quando si tratta del capitolo 35, relativo alle trattative con Pristina, Milenkovic ha indicato che la Serbia si è dedicata alla continuazione del dialogo ed all’implementazione di tutti gli accordi raggiunti.

Inoltre, la Milenkovic ha menzionato che i buoni rapporti tra Belgrado e Mosca non possono essere un’ostacolo nè rallentare il percorso della Serbia verso l’Unione europea.

Secondo, la Milenkovic la Serbia sta allineando gradualmente la sua politica esterna con quella dell’Unione europea, mentre l’obiettivo principale è raggiungere una conformità al cento per cento con l’Ue.

(RTS, 26.03.2015.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top