Fiera del Libro di Belgrado: blogger vs scrittori?

“Ogni volta che vengo alla Fiera del Libro di Belgrado, mi sento come un bambino in un negozio di caramelle, non riesco a decidere cosa fare o vedere prima. Sono sempre incantato dell’abbondanza di libri qui, c’è qualcosa per tutti. Davvero non mi curo delle grida e urla dei giovani quando incontrano gli scrittori e blogger popolari”, racconta lo scrittore insignito del premio NIN, Vladimir Pistalo.

“Quello che manca dalla Fiera del Libro di Belgrado è la partecipazione di scrittori stranieri più famosi e una pianificazione a lungo termine” aggiunge Pistalo.

Il traduttore Branko Andjic, avendo la possibilità di visitare varie fiere di libri in tutto il mondo, osserva: “I blogger sono presenti in tutte le grandi fiere del libro. Alcuni anni fa, in una fiera del libro in Argentina, il blogger Joanna Sanchez era al centro dell’attenzione. Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo nel nostro Paese, e non dovrebbe essere eccessivamente preoccupati per questo: stiamo parlando di un mondo parallelo che non ha alcun effetto sulla cultura e la letteratura di per sé”.

Secondo lo scrittore Dordje Pisarev, ospitare blogger nella cornice di una fiera del libro rappresenta “un segno dei tempi”, e dichiara di non esserne turbato: “Non mi interessa questo tipo di letteratura superficiale, perché un giorno persone che leggono questi libri potrebbero decidere di passare ad un libro serio. È meglio che i ragazzi adorino blogger/scrittori piuttosto che pop star”.

Il poeta Djordje Sladoje, invece, dichiara di continuare a non capire quale sia il trucco alla base della popolarità dei libri scritti da blogger, e auspica che le persone che leggono questi libri finiranno per rivolgersi a un diverso tipo di letteratura in futuro.

Secondo lo scrittore Milisav Savic, la Fiera del Libro di Belgrado è una delle fiere migliori al mondo. “Ho visitato molte fiere di libri nel mondo, inclusa quello di Francoforte, ma questa è una delle migliori. Ogni libro ha il suo pubblico, e non dovremmo aspettarci che gli appassionati della letteratura leggera comincino ad apprezzare i nostri libri. Tuttavia, non sono contro questa letteratura. Ho pubblicato i miei libri in formato elettronico, e credo fermamente che Internet ha un grande effetto non solo sui lettori, ma sulle forme letterarie. Chissà quale forma avrà il romanzo tra 100 anni. Inoltre, non dobbiamo preoccuparci della nuova letteratura. Penso che la nuova letteratura cancellerà i confini tra poesia, prosa e saggi”, aggiunge Savic.

(Vecernje Novosti, 28.10.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/kultura.71.html:692867-Blogerke-protiv-pisaca

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, eventi culturali, fiera, letteratura
orchestra
Filarmonica di Belgrado: grande richiesta di biglietti per la nuova stagione

Vueling
Vueling potenzia la rotta Barcellona-Belgrado

Close