“Fiat” e “Plastik” trattano a tavoli separati

Proseguono le trattative tra gli scioperanti di “Fiat Plastik” e la casa madre, sebbene in incontri separati, con l’Agenzia per la risoluzione pacifica delle controversie.

Zoran Miljković, presidente del comitato di sciopero di “Fiat Plastik”, afferma che l’incontro del conciliatore con la “Fiat” è stato rinviato all’ultima settimana di settembre perché Marcello Battaglia, il manager “Fiat” responsabile di FCA e “Fiat Plastik” in Serbia, non potrà essere prima in Serbia.

Nel corso delle trattative fino ad ora non è stato raggiunto alcun accordo tra gli scioperanti e la “Fiat”, e le posizioni si sono ulteriormente allontanate e i lavoratori hanno continuato a protestare. E’ stata anche invitata la Ministra del Lavoro, Darija Kisić Tepavčević, all’incontro avvenuto ieri a Kragujevac.

“All’ultimo incontro gli italiani non hanno accettato né promesso nulla. Non hanno molto tempo perché le trattative possono durare un mese e dato che sono iniziate il 6 settembre, devono concludersi presto. Se non accettano le nostre richieste continueremo a scioperare, e per non perdere le nostre indennità giornaliere sceglieremo i giorni in cui lavorare”, spiega Miljković.

I lavoratori di “Fiat Plastik”, fabbrica che produce i paraurti per la Fiat 500-L, chiedono che il loro regresso venga riportato al livello di prima del 1° gennaio 2021 e un’indennità del 65% per le ferie retribuite invece dell’attuale 60%. Oltre a questo, vogliono che le macchine per il montaggio dei paraurti, che sono state trasferite alla “FCA Serbia” durante lo sciopero, vengano restituite al loro stabilimento.

I lavoratori di “Fiat Plastik”, che è di proprietà del “Gruppo Fiat”, sono in sciopero da più di 6 mesi e, come i loro colleghi di “Fiat Chrysler Automobiles Serbia”, di cui lo Stato serbo detiene una quota del 33%, non vedono l’ora che arrivi il mese prossimo. “Stellantis”, la società mista “Fiat” e “Peugeot”, dovrebbe presentare i piani di investimento futuri in ottobre per ogni fabbrica che opera all’interno del gruppo, compresi quindi quelli per gli stabilimenti di Kragujevac.

https://www.politika.rs/sr/clanak/488196/Fijat-i-strajkaci-odvojeno-pregovaraju-sa-drzavom

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top