Fiat Chrysler Automobiles: produzione stabile nel 2017

La fabbrica Fiat Chrysler Automobiles Serbia (FCA) a Kragujevac prevede una situazione del tutto stabile nel 2017, mantenendo la produzione al livello del 2016.

“Nel 2016, 85.000 unità sono state prodotte a Kragujevac, e ci aspettiamo lo stesso livello di produzione nel 2017, o forse molte più unità”, ha dichiarato ai rappredentanti dei media Fabrizio Renzi, Direttore Finanziario di Fiat Chrysler Automobiles Serbia, a seguito della tradizionale riunione in occasione del periodo festivo.

Quest’anno 1.800 veicoli dei modelli 500L standard, Living e Trekking sono stati prodotti nel mercato locale, rappresentando il 2% della produzione totale.

Ai giornalisti che gli hanno chiesto quando verrà avviata la produzione della versione ridisegnata di 500L , Renzi ha risposto che se ne parlerà “quando sarà il momento”: “in questo momento non possiamo discutere del nuovo modello, ma non appena avremo ulteriori informazioni dal centro di Torino, informeremo il pubblico locale”.

Lo stabilimento Fiat di Kragujevac impiega più di 2.400 lavoratori.

(eKapija, 15.12.2016)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1622871/Fiat-produces-85-000-units-in-Kragujevac-in-2016-Same-capacities-expected-in-2017

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top