Ferma l’esportazione del lampone serbo

Quest’anno il prezzo dei lamponi ha raggiunto il suo record, ma la domanda in questo periodo è molto più bassa rispetto agli anni precedenti, dicono gli esperti. La crisi globale colpisce quindi anche alcuni produttori di questo frutto i quali sperano di guadagnare qualcosa entro la fine dell’anno, dato che la raccolta delle varietà autunnali è appena iniziata.

Settembre è alle porte e per una varietà di lamponi autunnali Il raccolto durerà fino alla caduta della prima neve; l’attuale prezzo di acquisto è di 450 dinari per chilogrammo. “Dicono che scenderà a 400. Ora cosa accadrà non lo so”, dice un agricoltore di Kosjerić.

La maggior parte dei produttori ha pagato delle persone per raccogliere i frutti, ma c’è anche chi aspetta i soldi dalla merce esportata. E le esportazioni sono attualmente ferme, affermano gli esperti. “I compratori del nostro frutto di tutto il mondo hanno paura di affrontare alcune questioni esistenziali. Quindi, scelgono alcuni alimenti di base piuttosto che, ad esempio, lamponi, mirtilli, more, che appartengono a quel gruppo di prodotti con la più maggior elasticità della domanda”, spiega Aleksandar Leposavic dell’Istituto di frutticoltura di Čačak.

Per anni, i criteri per la frutta serba sono stati continuamente aumentati per quando riguarda qualità e dimensione dei frutti, che è stata raggiunta, ma con rese inferiori. Nonostante la crisi, si troverà un modo per piazzare anche il raccolto di quest’anno, pensano gli esperti.

https://www.rts.rs/page/stories/ci/story/124/drustvo/4937623/malina-izvoz-zastoj-.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top